"Lex Nokia" : e mail dei dipendenti controllabili . E' polemica in Finlandia

Ha destato già molte polemiche la legge approvata dal parlamento Finlandese , già ribattezzata "Lex Nokia" , che autorizza i dirigenti delle aziende a monitorare le e mail dei dipendenti qualora ci fossero fondati dubbi sulla fiducia dei dipendenti stessi .
Una legge che , di certo , fa a botte con il concetto di "Privacy" : notare che la legge prevede di monitorare le e mail ma non di leggerle . In pratica , si può sapere mittente , destinatario , ora di invio o ricezione , allegati , ma non leggere la mail stessa .
La legge è stata ribatezzata Lex Nokia in quanto è stata proprio l’azienda finlandese , leader mondiale nella produzione di cellulari , a spingere fortemente per la realizzazione della legge stessa , dopo aver scoperto casi di spionaggio industriale .

Non si sa quando la legge cominci ad essere operativa , ma si è già alzato un grosso polverone : quali le vostre opinioni in merito ? La privacy può essere "messa in gioco" quando ci sono gli interessi delle aziende , o ritenete scorretto , qualunque sia il fine , mettere in discussione la privacy dei dipendenti ? In definitiva : credete che il fine giustifichi i mezzi ?

Aspetto di sapere cosa ne pensate in merito !
Un bacio dal vostro Giomba !

;-)

7 Commenti

  1. ho lavorato in una dita dove una mia collega durante il lavoro in UNA settimana ha mandato oltre 700 mail private, la metà in stile sms.
    questo non lo trovo giusto.
    e credo che si che un azienda possa avere il diritto di controllare le mail.
    perchè chi vuole mandare mail private ha comunque la possibilità di apprire un browser e mandarle tramitte la posta privata. Li nessuno puo controllare e nessuno dice nulla.

    ha da fare anche con la credibilità della società no?

    in Germania una volta ha fatto il giro una mail tra due dipendenti che sparlavano di sesso al posto di lavorare… e finita nelle mani sbagliate e tutti se la ridevano. per quella società un dano incredibile d’immagine.

    un saluto

Scrivi un commento