"Noi amiamo Silvio", il libro è in tutte le edicole: che cominci la polemica!

 

"Il volume propone la canonizzazione di San Silvio" – "Un libro spudorato per un pessimo Presidente del Consiglio": queste sono solo alcune delle reazioni provocate dall’uscita di "Noi amiamo Silvio", edito da Peruzzo Editore e presente in tutte le edicole a 9,90 Euro.

Che l’armata "rossa" non avesse perso tempo per puntare il dito contro il Premier c’era, come minimo, da aspettarselo, e l’uscita di "Noi siamo Silvio" è stata l’occasione giusta: non si sono di certo sprecate parole per indicare questo libro come "spudoratamente canonizzatorio nei confronti di Berlusconi" arrivando, addirittura, a fare un poco simpatico confronto con Craxi, a detta di qualcuno "canonizzato troppo tardi – quindi, perchè aspettare tanto tempo quando Berlusconi può essere Santo subito?"
Qualcuno, poi, adduce tesi di "egocentrismo Berlusconiano" dimostrando a gran voce che "questo libro ne è la riprova più estrema". Non si contano poi i "vergognoso", "senza parole", e altre simili locuzioni di vario titolo e genere.
Se pensavate, poi, che non si perdesse l’occasione per smontare il libro, foglio dopo foglio, avvalendosi di ogni scusa possibile ed immaginabile, vi stavate sbagliando di grosso: le fotografie contenute sono state definite "di poco conto e poco significanti".
Sempre a detta di alcuni, quindi, "il risultato finale sarebbe molto triste: un piccolo uomo privo di una storia vera e interessante" – cito testualmente alcuni tra i pareri negativi espressi.
Pensavate fosse finita qui? Niente affatto: certuni, se non bastasse, sono fermamente convinti che si giochi a far passare da "martire" il Presidente (ma non l’avevano già detto? N.D.Giomba) anche attraverso opere come queste che servirebbero solo da "apripista" alla campagna elettorale.
E poi c’è la rete: anche facebook si mobilita con il gruppo "Boicottiamo l’uscita di "Noi amiamo Silvio" .

Aldilà dei discorsi più o meno sensati e faziosi, che lasciano il tempo che trovano, direi che il Presidente ha poco da preoccuparsi e tanto da ridere, con la sua percentuale di gradimento arrivata al 68% degli italiani, quindi quasi 7 su 10. Se poi aggiungiamo che l’opposizione è sempre più allo sbaraglio, incapace di mettersi d’accordo anche solo su quanto faccia "2+2", possiamo tranquillamente affermare che, ancora una volta, guardarsi allo specchio è molto molto difficile. E, talvolta, tremendamente necessario!

13 Commenti

  1. Quello che pensi tu è irrilevante, la verità è evidente.http://www.corriere.it/

    politica/10_febbraio_02/

    libro-berlusconi-

    foto-ritoccata_

    70d1b068-1018-11df-

    9603-00144f02aabe.shtml

    il Corriere, noto giornale comunista, pensa sia un libro agiografico che al di là del pessimo gusto (roba da Kim Jong Il che si fa ritrarre a cavallo e magro), è un lavoro fatto coi piedi. I copiaincolla della folla sono evidenti, così come l’illuminazione ad hoc per Silvio e i particolari aggiunti “a mano”.

  2. Io non so se Berlusconi abbia bisogno o no di questi mezzucci, sta di fatto che li ha usati. Detto questo, ti abbiamo portato (in due) il link dell’articolo del corriere dove se ne parla, le foto tarocche impazzano nel web (basta fare una ricerchina): sarebbe ora di rispondere (se ti va).

  3. E’ la solita, stupida, antipropaganda di chi tentandi mettere i bastoni tra le ruote, senza risultati!

    E’ tutto da vedere che le foto siano taroccate o meno: francamente, mi fido ben poco di chi può “dimostrare” che le foto sono taroccate solo per fare l’antipropaganda, sai com’è ;-)

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!