A volte mi convinco che la gente è stupida, senza appello!

A volte mi convinco che la gente è stupida senza appello

A volte mi convinco che la gente è stupida, senza appello! Non può esistere altra via d’uscita ed altro significato alla pochezza e all’incoerenza di certuni!

A volte mi convinco che la gente è stupida, senza appello! La gente è fin troppo incoerente, fin troppo ignorante e stupida per comprendere quanto falsa e meschina sia attraverso i propri comportamenti: più che rabbia, certe persone tendono a farmi realmente pena, specialmente quando leggo che il destino si avventa contro di loro, che tutto è avverso alla loro vita da povere vittime designate alla sofferenza, e più mi soffermo a leggere i dettagli, più il senso di schifo che provo sale e sale a livelli di insopportabilità!

Ma come? Ma ancora parlate? Ma se siete stati proprio voi a buttare nel cesso persone d’oro, persone che sarebbero state in grado di starvi accanto per sempre, per una vita intera, e adesso piangete cercando di far capire alle persone che siete solo vittime delle persone cattive, vittime del destino, vittime del mondo che non guarda in faccia nessuno? Dai, ma siete seri, veramente?

Mi sembra illogico ed assurdo pensare che possano esistere persone di questo tipo, gente così limitata a livello cerebrale che piangono il loro misero vivere da vittime designate alla sofferenza, vittime delle circostanze, vittime della vita, vittime del loro tempo così pesante da vivere. NO: SIETE VITTIME DELLA VOSTRA COGLIONAGGINE, ficcatevelo bene in testa, ed il guaio grossissimo è che NESSUNO VE LO HA MAI DETTO IN FACCIA, ma, al contrario, ha continuato a pompare e cullare il vostro vittimismo, giustificandovi in tutto e per tutto, anche e sopratutto nella nullità che siete e che siete sempre stati!

Andate a prendere per il culo un’altra persona, non certo me: le persone sanno che tipi siete, statene certi. Il tempo delle maschere di cartone è finito: cercate di abbassarla e cominciate a capire cosa significa VIVERE. Cretini.

Scrivi un commento