Acqua, in Italia il prezzo più alto e i maggiori sprechi

Costosa e sprecata: è questa la fotografia italiana dell’acqua. I dettagli.

In Italia l’acqua costa tantissimo e viene, per un terzo, sprecata: lo certifica una ricerca di “Cittadinanzattiva”, che dimostra come in determinate città il prezzo dell’acqua sia diventato elevatissimo (+164,5% a Reggio Calabria, per dirne una) con tendenza al rialzo ma, sopratutto, che dimostra come un terzo dell’acqua si perda nel sistema idrico, carente e pieno di “falle” che decretano la perdita del 33% del prezioso liquido.

Al centro le bollette più alte, seguite da Nord e Sud: il sistema idrico, inoltre, andrebbe totalmente rivisto, dal momento che, se è vero che il 33% dell’acqua viene perso “per strada”, letteralmente, la cifra sale a quasi il 50% nel Sud Italia che, evidentemente, ha sistemi idrici maggiormente carenti in termini qualitativi. Un vero spreco, insomma, che di questi tempi non ci si può permettere.

Speriamo, quindi, che queste cifre aiutino a riflettere e a far capire che molte cose vanno riviste: non possiamo permetterci uno scempio simile. Dobbiamo farlo per noi e per le generazioni che verranno.

Scrivi un commento