Alcool test, senza avvocato potrebbe essere nullo

Fa discutere la sentenza di un giudice milanese che assolve un giovane, nonostante fosse positivo all’alcool, in quanto non avvisato della possibilità di chiamare il proprio avvocato durante il test con l’etilometro. I dettagli.

“Non avvisato del suo diritto di chiamare un avvocato”: con questa motivazione un giudice milanese assolve un giovane, di 20 anni, positivo all’alcool. Il giovane è stato fermato durante un controllo e trovato positivo al test con l’etilometro: tuttavia, nessuno lo ha avvisato della possibilità di contattare il proprio avvocato prima del succitato test.

Se, da un lato, gli Avvocati del giovane cantano vittoria, dichiarando che “è stato posto fine all’uso indiscriminato dell’etilometro da parte delle Forze dell’Ordine”, le polemiche non si placano comunque: il Giudice, tuttavia, non ha fatto altro se non ribadire un diritto di ognuno, ovvero la possibilità di nominare un avvocato prima di essere sottoposti all’eventuale test. Se non si è avvisati di ciò, il test è nullo.

E voi, come commentate la notizia? Può crearsi un pericoloso precedente o, al contrario, pensate sia un caso unico, senza ulteriori “repliche” future? A voi la parola!

Scrivi un commento