Alla fermata


Mi piacerebbe scrivere
una canzone che non so ,
mancan le parole ormai ,
per questo amore
muto di malinconia
come fiocchi di neve
tenui nel mattino .
Il treno della vita
continua la sua corsa ,
ma tu sei scesa da troppe fermate ormai .
Ti ho ascoltata in un mattino ,
ti ho vissuta in un estate ,
ma ora sei come le gocce che bagnano l’asfalto ,
scolorando come il treno
che ti ha portato via da me .
E chissà quali strade nuove ,
che emozioni , che sensazioni ,
con la tua nuova vita .
E torna ancora
il silenzio del mare .
Compagnie di pensieri
mi danno la voglia di dire
che un cuore resta da solo ,
e scolori come il treno
che ti ha portato via …
E scolori nel silenzio …

(C) Giomba – Creative Commons Licence

11 Commenti

  1. Ho letto la lettera aperta…
    sono commosso, ho le lacrime agli occhi!
    Tu mi dici… ci dici GRAZIE, ma io lo dico a te, per tutto quello che fai!

    Bella la poesia (a proposito, mi ha fatto piacere il commento a “Benedetta donna”, ;-) ).
    Tocca al cuore!

  2. Il Guerriero

    Il giorno perde luce,
    mi sento da sola.
    Tu non trovi il coraggio
    per dirmi che è vero,
    ma col rosso di sera i contorni si
    fanno velati.
    Io ti immagino dolce guerriero dei
    giorni passati,
    che conquistava il mio orgoglio e
    io cedevo
    con occhi incantati.
    Ma adesso che vuoi dormire
    io sola posso vedere
    che questa diga
    rompe in due il suo mare,
    che bene o male
    gli altri vanno a ballare,
    che la passione ha smesso
    già di bruciare
    e che il tuo corpo
    non mi vuole toccare.
    Che l’abitudine ci ha già abbattuti,
    e tu guerriero dei bei giorni passati
    dovrai tornare sui sentieri perduti
    per conquistare ancora i sogni
    svaniti dal tempo rubati.
    Ma col rosso di sera vien voglia di
    credere ancora
    Se scavi profondo e sai trovare di
    me stessa il fondo
    scoprirai che vivevo dei pensieri
    tuoi,
    e le tue braccia cascate di rose
    sotto cieli sereni,
    che cullavano forti il mio corpo e
    le mie inibizioni.
    Non scordare l’amore profondo che
    tu hai messo al mondo!
    Ma adesso sembri dormire e io non
    voglio accettare
    che questa noia spezzi in due
    l’amore.
    Noi siamo giovani e dobbiamo
    tentare.
    Io dico vedi, gli altri vanno a
    ballare,
    ma forse è gente che non sa cosa
    fare!
    Che l’abitudine non ci ha abbattuti
    e tu guerriero dei bei giorni passati
    dovrai tornare sui sentieri perduti
    per conquistare ancora i sogni
    svaniti dal tempo rubati.
    Ma col rosso di sera vien voglia di
    credere ancora.
    che l’amore ha il diritto di averlo
    soltanto chi spera!
    che l’amore ha il diritto di averlo
    soltanto chi spera!

    MIA MARTINI

    caro guerriero … io vivo molto di canzoni
    ti ringrazio della gentilezza che hai avuto
    chiudi gli occhi e immagina una distesa di
    girasoli tutti per te … ahaha haahah ahah
    mi fa piacere che hai accettato il mio modo
    folle di leggerti …. sei un fanciullo tenero
    io un cuore forse arido che si nutre di
    atmosfere magiche e ruba …. mi piace
    vedere la luce degli occhi dell’amore
    l’amorecantaate samckk

  3. ilgiombaaaaaa….aiutami tu che puoi…accogli il mio disperato bisogno di aiutoooooo ho letto 879 volte il tuo sito e nn ci riesco, sn limitata, non capisco come usare correttamente le istruzioni circa le opzioni per modificare il proprio blog….ah la vitaaaaaa

  4. Genideus, consulente giuridico del bar

    Signor Giombaaaa….
    disturboooo….
    senta, ricordi a Ida di andare all’INPS per gli incartamenti circa la sua posizione di segretaria.
    A rivederla,
    il dott.
    Genideus

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!