Amare non è "fare finta di niente"!

Amare non è fare finta di niente

Amare non è “fare finta di niente”, ed io l’ho capito tardi, ma mi sono reso conto di quanto necessario sia un costante raziocinio sentimentale!

Amare non è “fare finta di niente”: personalmente, me ne sono accorto tardi e solamente attraverso l’esperienza, ma posso dire, ora più che mai, che in amore è categoricamente necessaria una sorta di “raziocinio sentimentale”, se così possiamo definirlo, che ci impedisca spegnere totalmente la ragione in nome del “massí, tanto le cose prima o poi cambiano!”

No: mettetevi in testa che non solo le cose non cambiano, ma l’amore non cambia né le persone né il loro modo di agire e di ragionare. Prima o poi, presto o tardi, i problemi scoppieranno, esploderanno in tutta la loro violenza che non risparmia niente e nessuno, e chiederanno conto è ragione del tempo passato ad attendere che i sentimenti cambiassero le cose, meglio ancora se con un bel contorto di “far finta di niente”, che è tanto più comodo rispetto al coraggio del dover affrontare realtà evidenti ed importanti!

Chi s’illude di non voler guardare in faccia la realtà, per quanto brutta essa sia, non fa altro che prendere in giro solamente se stesso, perché ignorare un problema caratteriale, proprio o dell’altro, non può essere e non deve essere affatto la soluzione! Non è certo così che le cose cambiano o si risolvono magicamente! La sola, unica, soluzione è quella dell’affrontare di petto le problematiche, anche se ci fanno male, anche se ci portano a rinunciare a qualcuno, ma – credetemi – è sempre meglio rinunciare subito a qualcuno che non può essere nel nostro futuro che farci fottere i nostri anni migliori che nessuno ci tornerà indietro!

Cerchiamo di non dimenticare che il tempo sprecato non viene più restituiti. Vale la pena, quindi, di prolungare un finale scontato solamente per la paura di guardare in faccia la realtà e prendere un provvedimento? A voi ogni riflessione…

Scrivi un commento