Amare te

Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita.

Nel silenzio della notte, mi ritrovo a riflettere, immerso nel freddo di un cielo limpido, con una stella a farmi compagnia, mentre guardo la sua strana tinta blu oscura. Se lo osservi bene, il cielo della notte sembra dipinto da tante pennellate di una tinta blu molto scura, a tratti rilucente di piccoli puntini azzurri, con un alone bianco intorno. Alcuni sono più vicini, ed emettono una luce più forte. Altri, al contrario, sono più lontani, e li vediamo, minuscoli, a miliardi di anni luce da noi, perduti nell’immensità dello spazio.

Per chi si ama, è sempre difficile dover tornare alla realtà, magari dopo aver trascorso tante ore insieme, sopratutto nei week end: un saluto, la voglia di non lasciarsi, e il doverlo fare per forza, perchè vanno riassunti i ritmi, lavorati e di vita, della settimana lavorativa. E’ difficile, bisogna davvero ammetterlo.

S’indugia un pò, si stringono forte le mani, si vorrebbe non andare via: eppure resti li, in silenzio. Poi un bacio e, in un solo istante, ti ritrovi solo, con solo il sapore di quello stesso bacio sulle labbra.

Si, certo: qualcuno dice “beh, ma non è certo il caso di farla tanto lunga! Mica vi siete perduti per sempre! Tra qualche ora, tra qualche giorno, vi ritrovate!”

E’ sicuramente vero, ma lo status di due ragazzi fidanzati che, però, non vivono ancora insieme, è ben diverso: si sta insieme quanto più possibile, magari per tante ore, ma quando poi arriva il momento, ahimè, di tornare alle proprie vite, visto che si è soltanto “fidanzati”, e non si vive ancora insieme, ma ognuno per se, è davvero difficile. E’ sempre un pugno nello stomaco!

L’idillio, l’illusione di vivere soltanto in due, senza nessun’altro a frapporsi, senza il mondo fuori dalla finestra, ma solo con l’immensita racchiusa in noi, s’infrange in un bacio, a sancire la fine di un weekend spensierato, e l’inizio di una nuova settimana, da vivere per se, in una continua routine, in cui ci si vede meno e si sta meno insieme.

Ma, forse, per due persone che si amano, come ci amiamo io e te, la vera sfida è questa: arrivare insieme al gran finale, poter dire di avercela fatta nonostante le asperità, nonostante le difficoltà, nonostante le distanze più o meno forzate dalle vicissitudini della vita.

Il premio è uno: una vita insieme.

7 Commenti

  1. Pingback: upnews.it

    Amare te…

    Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita. Nel silenzio della notte, mi ritrovo a riflettere, immerso nel freddo di un cielo limpido, con una stella a farmi compagnia, mentre guardo la sua strana tinta blu o…

  2. Pingback: diggita.it

    Amare te…

    Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita. Nel silenzio della notte, mi ritrovo a riflettere, immerso nel freddo di un cielo limpido, con una stella a farmi compagnia, mentre guardo la sua strana tinta blu o…

  3. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

    Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

    Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita. Nel silenzio della notte, mi ritrovo a riflettere, immerso nel freddo di un cielo limpido, con una stella a farmi compagnia, mentre guardo la sua strana tinta blu o…

  4. Pingback: www.blog-news.it

    Amare te, amarsi ora e per sempre…

    Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita…

  5. Pingback: notizieflash.com

    Amare te, amarsi ora e per sempre…

    Si comincia sempre dalla fine. Non si sa bene perchè, ma è una strana regola implicita. Nel silenzio della notte, mi ritrovo a riflettere, immerso nel freddo di un cielo limpido, con una stella a farmi compagnia, mentre guardo la sua strana tinta blu o…

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!