Cellulari, si all'abolizione del Roaming

Il Parlamento Europeo ha espresso parere positivo all’abolizione del “Roaming”, ovvero il prezzo aggiuntivo per le chiamate all’estero. I dettagli.

Il Parlamento Europeo ha dato il suo si all’abolizione del “Roaming”, ovvero il “sovrapprezzo” da pagare al gestore telefonico quando ci si trova all’estero: entro il 2015 come termine ultimo, quindi, la tassa dovrà essere totalmente abolita.

Inutile dire che la prospettiva spaventa, e non poco, i gestori telefonici, che hanno calcolato perdite di oltre il 5% a seguito di tale abolizione: per evitare il peggio, quindi, gli stessi gestori avevano chiesto chiesto all’Unione Europea di trovare un accordo che “stesse bene a tutti”, magari diminuendo, ma non eliminando, la suddetta tassa. Il Parlamento Europeo ha respinto tale evenienza.

Una buona notizia, quindi, per i consumatori: resta solo da vedere se, davvero, i gestori telefonici sono disposti ad una simile “rivoluzione”. A ben giudicare, sembra proprio di no: la partita è apertissima!

Scrivi un commento