Che senso di delusione...

Che senso di delusione

Che senso di delusione… Che profonda tristezza quando qualcuno tradisce la poca fiducia che, ormai, ti è rimasta verso il genere umano…

Che senso di delusione… E’ davvero triste e svilente quando qualcuno tradisce quel poco di fiducia che ancora ti era rimasto, quel poco di speranza riposta tra le pieghe di un tempo passato a vedere deluse tutte le tue aspettative. E, ad un certo punto, crolla tutto, frana tutto, non resta niente che possa salvarsi. Zero. Niente. Rimane solamente un vuoto ed un silenzio spettrale che ti asciuga addosso anche le ultime lacrime che avevi, che ti diventano pietra sul viso, che si seccano e ti lasciano senza fiato e senza più parole, come se qualcuno avesse tolto da te stesso la possibilità di esprimerti, di urlare, di guardare in faccia i problemi che ci sono e trovare soluzioni. Ma, no: non riesco neppure tu a trovare una soluzione concreta, una soluzione che possa cambiare le cose, probabilmente perché, a volte, semplicemente non ci sono soluzioni a determinati comportamenti, e questo tende a far diventare ogni cosa più difficile e complicata rispetto a quanto non lo sia già, e se pure cerchi di cambiare le cose in qualche modo, di fatto, ti trovi di fronte ad un muro insormontabile.

E così, ad un certo momento, resti fermo in mezzo ad un bivio metaforico, in cui osservi tutta la tua vita, osservi tutto il tuo tempo, le cose che hai visto e vissuto, e ti ritrovi a sperare che le cose cambino, ma, nel contempo, ti ritrovi a fare i conti con una realtà che non risparmia colpi, e quando questa realtà diventa così difficile da superare, non puoi di certo scappare via, non puoi di certo ignorare questo tempo. Forse, puoi solamente sperare che qualcosa cambi, ma sai, in cuor tuo, che questo non accadrà.

E così resti li, nel tuo cantuccio, con questo tuo senso di delusione addosso, che rende aspro il tempo ed incerto ciò che verrà…

Scrivi un commento