Che invidia quelli là ...


Sto soffrendo tanto …
Sento tanto freddo , e sto male nel pensare che non c’è nessuno che mi riscaldi l’anima , che mi doni una carezza e mi dia quell’amore che cerco .
Si , è vero , c’è la famiglia , gli amici e i parenti , ma quello è un altro amore , e non è certo quel che cerco .
Quel che cerco si chiama come si chiamava lei , come il suo cuore che batteva forte per me , come le lacrime che mi donava quando la sua gioia di vedermi era grande , immensa , e anche la mia lo era …
Insieme , volavamo verso il nostro amore , con i nostri progetti , con i nostri pensieri e quella dolcezza calda che ci univa , quei baci che mi facevano sentire una grande forza dentro .
Era bellissimo : era la prima volta che mi succedeva ma mi sentivo UN GRANDE , mi sentivo padrone di tutto quel che era intorno , e sentivo una tale forza dentro di me , che sarei potuto arrivare fin sulla luna e tornare , tanto era l’amore che provavo per lei , e che le i provava per me .
Era la prima volta che vivevo un amore che non fosse “unilaterale” , ma che fosse , finalmente , ricambiato . Mi sentivo veramente BENE .
Un sogno : mi sentivo dentro un sogno , mi sentivo come se stessi vivendo una “realtà onirica” , come se tutto intorno a me i giorni fossero diventati tutti azzurri , colorati da uno splendido sole , e nell’aria l’odore dei fiori si fosse trasformato nel suo odore , nel sapore della sua pelle , delle sue labbra .
Il vento , poi , era come le sue carezze , era come la sua voce , era come gli attimi che abbiamo trascorso insieme .
Poi , quella mattina il sogno ebbe fine : avrei voglia di urlare dalla disperazione . Non riesco ad avere pace nel pensare che se ne è andata , nel pensare che tutto ciò doveva vivere , nel pensare che eravamo convinti che sarebbe stato per sempre , e alla fine è durato meno di nove mesi .
Nemmeno il tempo di esaurrie tutto quel che avevo da dire , nemmeno il tempo di baciarla ancora una volta . Mi disse “addio” , e non la vidi mai più …
Chissà , forse un giorno lo racconterò ai miei figli quando sono vecchio , e anche lei lo farà , per la sofferenza d questi anni che non ci vedranno mai più insieme , e forse quelle lacrime ci faranno reincontrare ancora una volta .
Vorrei solo una voce per poter urlare il mio amore per lei , e vorrei che lei lo sentisse , e vorrei che lei corresse ancora una volta da me .

Ogni mattina , per recarmi al lavoro , faccio quella stessa strada che facevamo noi , con i fiori d’arancio e i gelsomini che sono fioriti : nell’aria fresca del mattino , cammino pensando e rifettendo , e mi sveglio insieme alla città intorno a me .
La signora del palazzo laggiù apre le finestre e rifà i letti , e i negozi aprono .

Giusto una mattina , recandomi al lavoro , ho notato una coppia di ragazzi che si stavano recando al primo piano : vado dalla collega e chiedo “sai per caso che ci fanno quei due la ?” … La ripsosta non tarda ad arrivare : “ma come , non lo sai ? Lavorano insieme : sono findanzati , ma lavorano nella stessa stanza !”
Che rabbia , avrei avuto voglia di piangere e urlare il mio dolore , la mia sofferenza , ma non ho potuto e mi sentivo peggio nel non potermi sfogare .
Poi , passando poco dopo dalla loro stanza , li ho visti baciare piano , e guardando lei , molto somigliante al mio amore , con gli stessi occhi , gli stessi capelli e le stesse forme , il mio cuore ha cominciato a battere forte , e la paura cresceva in me .
Guardando lei tra le sue braccia , ho avuto (ed ho) tanta paura nel pensare a chi , in questo momento , sta stringendo le sue braccia , sta baciando il suo collo ed il suo viso , sta facendola tremare di passione .
No , dimmi che non è vero : dimmi che è solo un incubo , che tu sei ancora con me , che non te ne sei mai andata . Dimmi che non c’è nessuno accanto a te , dimmi che scherzavi . Ti prego . Dimmi che non è così , dimmi che la mia sofferenza non serve , perchè sei ancora con me . Dimmi che verrai da me …
Che brutta cosa : loro , insieme nella vita e sul lavoro : praticamente per sempre . Io , che tante volte l’ho voluto , mi ritrovo qui , da solo , a stracaricarmi di lavoro per non pensare a quel che non c’è più , per non pensare al mio amore che soffre …
… Eppure , quando la sera torno a casa , la sofferenza torna a farmi compagnia , e io ritorno a piangere ancora una volta , da solo , senza sentire su di me quella mano dolce che vorrei avere , che vorrei sentire piano …

Sento ancora ils uo profumo su di me , sento ancora la sua voce e i suoi baci al mattino . Non riesco a stare senza di lei , mi manca troppo , e soffro ancora di più nel sapere che c’è gia qualcuno a cui lei donerà tutto : il suo amore , il suo corpo , i suoi baci .
Perchè devo sempre soffrire così ? Perchè non capisce che la amo veramente ? Perchè i miei sentimenti devono sempre essere trattati così ? Che ho fatto io di male ?

… Perchè ?

Sapessi quanto
(I Cugini di Campagna)

E’ per amore che ho voglia di gridare
è per amore che te lo voglio dire
è per amore che voglio averti accanto
tutta la vita per dirti ogni momento :
Quando parli, quando ridi
quando piangi e quando vivi
quando pensi, quando sogni
quando giochi e quando dormi
io ti amo, sapessi quanto ti amo …
… Non te ne andare non mi lasciare
fa che io possa sempre avere
per tutti gli anni, tutti i tuoi giorni
e quei momenti che sai darmi solo tu !
Quando sfiori, quando tocchi
quando zitta abbassi gli occhi
io ti amo, sapessi quanto ti amo
sapessi quanto… sapessi quanto…
Sarà quell’aria, quell’aria da smorfiosa
sarà quel modo, con cui mi fai le fusa
saranno i giorni, sarà quel che saremo
sarà che in fondo, non sai quanto ti amo …
Quando parli, quando ridi
quando piangi e quando vivi
quando pensi, quando sogni
quando giochi e quando dormi
io ti amo, sapessi quanto ti amo !
Quelle serate quante risate
quelle incredibili dormite
sul nostro letto sempre disfatto
ma cosa ho detto?
Dai non farlo scendi giù !
Quando fingi di dormire
solo per farti cullare
io ti amo, sapessi quanto ti amo
sapessi quanto… io ti amo!

4 Commenti

  1. Io ieri ti ho scritto di cercare il “perchè”, giusto?
    Forse lo troverai, forse no Dani, ma non puoi stare così male (nel senso che saperti così fa male anche a me), non per lei, che non ti ha forse capito e amato quanto tu hai amato lei.
    I pensieri che hai ora ti faranno uscir di testa, devi fare qualcosa….anche se non so suggerire cosa.
    Ma non sei l’unico,lo sai, in ogni canzone che scrivi c’è un perchè diverso di un dolore, di u amore finito male.
    Il tuo primo grande amore, mi spiace e tanto che sia finito e tu soffra, ma non per altro il primo grande amore è quello che non si scorda mai e un giorno racconterai ai tuoi nipotini.
    Un abbraccio grande.

  2. carissimo, a volte le esperienze altrui possono aiutare qualcun’altro, nel mio piccolo vorrei almeno donarti un bricciolo di speranza: sono stata tre anni con un ragazzo che ho amato follemente, alla quale ho donato me stessa sino all’estremo,mi ha lasciata dopo aver creato progetti e sogni insieme,l’estate scorsa ricordo ancora era il 6giugno, mi sono disperata,ho pianto,sofferto,avuto voglia di gridare al cielo al mio amore…ora è passato quasi un anno e stufa di straziarmi l’anima sto ricominciando,forse anche ad amare…auguro a te la stessa cosa…

    “…perchè dietro a ogni persona, se ne nasconde un’altra…forse più bella,forse più nuova,forse la tua…”(da 3msc)…….auguri…che tu possa scorgere un nuovo raggio di sole….

  3. Buongiorno care amiche : grazie per quello che mi avete scritto . Grazie veramente .
    E’ solo virtuale , ma credetemi : vi do un grosso abbraccio , tale da unirvi tutte e tre :-)

    Grazie davvero !

Scrivi un commento