Cicli di vuotezza

Cicli di vuotezza

Cicli di vuotezza, di questo tempo che, ormai, trascorre sempre uguale, sempre lo stesso, sempre allo stesso modo e con gli stessi pensieri…

Cicli di vuotezza, mentre questa vita, piano piano, scorre fin troppo silenziosa, e ti guardi attorno e non riesci a capire, e non riesci a comprendere, e non riesci ad osservare come poter cambiare il tempo che non passa, come poter rendere davvero piena di tutto quello che desideri la vita che vivi. E mentre continui a domandartelo, dentro di te resta quel silenzio assordante e fragoroso, quel rumore di fondo che rimane sempre lo stesso, che prosegue, che ti ricorda, ancora una volta, tutto quello che ti manca, tutto quello che non hai, tutto quello che devi portare avanti, tutto quello che devi ancora fare, che devi ancora osservare, mentre la vita non manca di ricordarti che sta passando tutto, e troppo velocemente…

…Eppure, ancora una volta, i pensieri si sovrappongono ad altri pensieri, ad altre strade, ad altre paure, ad altre risposte che cerchi e che non trovi, e quel senso si vuoto, quel ciclo di vuotezza si ripete in questo eterno, costante loop di parole, di frasi rimaste dentro e di tutte quelle che, invece, vorresti dire e non puoi, perché la vita te lo vieta o te lo impedisce, e non puoi dare la colpa a nessuno, forse neanche a te stesso, ma puoi solamente restare a guardare, fermo, immobile, mentre il tempo scorre e sfreccia come auto a folle velocità, e tu continui a rimanere immobile ad osservare non sai bene neppure che cosa, ad attendere non si sa neppure cosa, ad aspettare… Ma chi? Ma cosa? Ma quando? E soprattutto perché?

Troppe frasi e troppe parole restano senza una risposta. Rimane solamente questo grande dolore irrisolto, questo vuoto silenzioso che urla la sua presenza, così difficile da ignorare…

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!