Combattere contro se stessi, talvolta, è controproducente!

Combattere contro se stessi talvolta è controproducente

Combattere contro se stessi, talvolta, è controproducente! Io l’ho sperimentato tante volte su me stesso, e devo dire che non sempre è un affare, anzi…

Combattere contro se stessi, talvolta, è controproducente: più volte, infatti, mi è capitato di trovarmi in questa situazione, e devo effettivamente ammettere che a volte un “combattimento” contro noi stessi è quasi controproducente, perché ci fa cadere in rimuginio, in ansie assurde e spesso totalmente inutili che finiscono con il rendere atrocemente complicato ciò che in realtà, a conti fatti, è anche più semplice di quanto non immaginiamo!

A volte, piuttosto, è più conveniente lasciar scorrere, lasciar perdere, non dar retta alla voglia di ingaggiare questa furiosa lotta con noi stessi e con i nostri pensieri, ma, al contrario, lasciar scivolare dolcemente l’intrusività di certe sensazioni, di certe paure, di certi attimi, di certe ansie. Paradossalmente, insomma, evitare di pensare, pensare, pensare, di essere combattuti, di essere divisi, diventa più salutare e più producente del ritrovarsi a riflettere su cose che, magari, non hanno alcun motivo di rientrare ne tra i nostri pensieri ne tra le nostre preoccupazioni!

E’ molto semplice alla fine: bisogna sapersi  modulare, bisogna saper modulare i pensieri che si rincorrono, le false idee che ci creiamo, e bisogna sempre darsi forza e pensare al lato positivo delle cose, perché – anche se spesso, quasi mai, ce ne accorgiamo – per ogni lato negativo ce n’è sempre uno positivo, ed è proprio da quello che dobbiamo partire per non complicare situazioni che possono anche essere piacevoli e divertenti, ma che si trasformano in inutile sofferenza nel momento in cui carichiamo su noi stessi quel pesante macigno di ansie e pensieri che si rincorrono!

Non è facile, e di certo serve tanto esercizio e pazienza, ma non è impossibile: anche da queste piccole cose si costruisce una vita migliore e più serena!

Scrivi un commento