Con le ossa rotte... Ma meno del previsto!

Con le ossa rotte ma meno del previsto

Con le ossa rotte… Ma meno del previsto! Direi che è un buon segno se si considera che la vita, probabilmente, è riuscita ad insegnarmi qualcosa!

Con le ossa rotte… Ma meno del previsto! Già questo è per me, onestamente, un buon segno: è il segno che sono davvero diverso rispetto a tanto tempo fa, quando avrei fatto tragedie, avrei pianto e mi sarei disperato. Ora rifletto, sicuramente, ma mi rendo anche conto che si può sempre andare avanti e sperare per trovare nuovi lidi su cui approdare!

In fondo, non è scritto da nessuna parte che se qualcosa va storto debba andare storto l’intero resto del tempo: si può sempre sperare e, anzi, si deve sempre sperare che le cose vadano diversamente, ci mancherebbe pure! Figurarsi se ci si può ritrovare fermi ad un palo, ad attendere miracoli o, peggio ancora, ad arrendersi per tutte le cose che vanno male, per tutti i momenti storti, per le storie che finiscono, per le amicizie che se ne vanno!

Al contrario, invece, bisogna sempre trarre giovamento ed ispirazione: bisogna sempre comprendere cosa le esperienze ci hanno insegnato e cosa possiamo imparare dalle esperienze per vivere un futuro migliore e costruirci un avvenire più sereno. In fondo, la base per costruirci davvero un futuro felice è anche e sopratutto questa, quella che ci permette non soltanto di non arrenderci ma continuare a sperare e crederci, ma anche di diventare, in qualche modo, migliori e più sereni pensando al passato per vivere il futuro!

Certo, nessuno dice che sia una cosa semplice, che sia una cosa immediata, per carità: eppure, se davvero si riesce ad applicare questo principio, possiamo farcela e diventare più forti. Ne esco con le ossa rotte, sicuramente… Ma non come una volta. E, onestamente, questo mi rincuora davvero e mi rende sereno!

Certi problemi non sono un dramma, perché è la vita che li programma!
(Gigi D’Agostino)

Scrivi un commento