Considerazioni di fine anno, come ogni anno...

Considerazioni di fine anno come ogni anno

Come ogni anno, ecco le mie solite considerazioni di fine anno: un bilancio importante per ripassare tutto quel che è stato e, si spera, quel che sarà…

Siamo, nuovamente, giunti alle mie solite considerazioni di fine anno: si chiude un anno personalmente molto importante, fatto di tante emozioni, nuove conoscenze, ma, sopratutto, fatto di tantissime nuove esperienze.

Una tra tutte, credo la più importante, l’aver perfezionato il mio andare a vivere da solo: l’esperienza era cominciata nella seconda metà del 2016 muovendo, definitivamente, i suoi passi nel 2017 per poi diventare perfetta nel 2018: ho trovato – e non me lo aspettavo – una vera famiglia, fatta di tante persone che mi conoscono, che mi han visto crescere, che mi vogliono bene, che mi rispettano e che mi apprezzano. E di questo non posso che essere grato a loro ma sopratutto a me, che ho dimostrato, prima di tutto a me stesso, di essere perfettamente in grado di farcela, smentendo tante e troppe malelingue che, in questi anni, hanno parlato a sproposito, e questa – credo – è la più evidente delle dimostrazioni.

A livello professionale è stato, veramente, un grande anno, e non parlo solo a livello formativo ma anche a livello prettamente lavorativo, con tanti nuovi progetti, persone che si sono affidato a me e alla mia esperienza, e tante nuove possibilità di crescita, oltre a tanti sinceri complimenti ricevuti e a tanta gente che, ieri, come oggi e – spero – come domani, si affida a me e mi offre una grande fiducia, che si concretizza con un lavoro giornaliero, spalla a spalla, per diventare sempre migliori e sempre più forti!

A livello sentimentale, come sempre, c’è poco da dire, ma di emozioni ne ho vissute parecchie, così come a livello di crescita personale: ho scoperto tante cose che, fino a questo momento, non ero stato in grado di vedere nella loro interezza, e, con estrema sicurezza, posso dire di essere diventato più forte grazie alle mie nuove consapevolezze.

Insomma: direi che il bilancio è stato abbastanza positivo. Si poteva fare di più? Potevo sperare in qualcosa di più? E’ probabile, ma mi ritengo, comunque, estremamente felice e soddisfatto del risultato finale!

Scrivi un commento