Da Windows a Linux: terzo giorno di test

Da Windows a Linux - Terzo giorno di test

Terzo giorno di test per il mio passaggio da Windows a Linux: i problemi, però, non mancano. Scopriamo cosa è accaduto…

Continua il mio passaggio “epocale” da Windows a Linux: come vi ho raccontato nella seconda giornata di testi problemi che si sono presentati sono stati non poco importanti, anzi…

…Per fare il punto della situazione, ho chiesto numi al mio adorato vicino, proprio per cercare di capire qualcosa di più circa le problematiche relative al Wireless che non si attiva, al tasto “FN” del portatile che non si attiva e adesso – novità – ai font non visti correttamente su Chrome. Per fugare ogni dubbio, il vicino mi ha presentato due distribuzioni importanti che potrebbero fare al caso mio, invitandole a provarle: la prima è Feren, la seconda è la strafamosa Mint.

Devo, onestamente, ammettere, che Feren mi ha meravigliosamente sorpreso: se Zorin, di cui vi ho parlato anche nella prima giornata di test, mi aveva sorpreso particolarmente per la sua facilità e somiglianza con Windows, devo – onestamente – ammettere che Feren mi ha ulteriormente sorpreso. La sua somiglianza con il Sistema Operativo Microsoft è a dir poco eclatante, e riesce davvero a mettere a proprio agio l’utente anche con i suoi colori gradevoli e grafica moderna, compreso il simpatico sfondo per il desktop che vedete in calce a questo post.Tuttavia, per il mio modo di lavorare, ho notato che continuo a preferire Zorin, anche perché su Feren ho notato alcuni piccoli bug e alcune mancanze che hanno fatto la differenza rispetto allo stesso Zorin. Idem per Mint: sicuramente eccellente ma non adatto al mio modo di lavorare.

Così, dopo aver trascorso cinque ore ad effettuare prove, noto che i problemi rimangono, e, al momento, non riesco in nessuna maniera a venirne a capo:

  • La scheda Wireless non viene rilevata nonostante l’installazione dei driver
  • Il tasto “FN” non viene rilevato, ed è necessario per attivare il Wireless sul portatile
  • I font Windows non vengono visti da Chrome: di conseguenza, tutte le pagine che utilizzano il classico Tahoma, ad esempio, vengono mostrate con font alternativi

Ci sono, inoltre, altre piccolezze che devo approfondire, come, ad esempio, la possibilità di spostare file sul desktop trascinandoli direttamente sopra altre finestre, come accade su Windows 7, ed altre “cesellature di utilizzo”, diciamo così, che sicuramente imparerò con il tempo, ma i problemi più gravi, al momento, sembrano non trovare risposta…

…Non resta che cercare di continuare a capirci qualcosa…

Scrivi un commento