Dov'è la fine del tunnel?

Dov'è la fine del tunnel

Dov’è la fine del tunnel? Quando i sentimenti potranno tornare a prendere il volo e spiccare, liberi, nel cielo azzurro e sereno di un mattino di sole?

Dov’è la fine del tunnel? Onestamente, comincio seriamente a dubitare che ci sia una reale fine a tutto ciò, a questo dolore, a questa sofferenza, a tutte le lacrime che ho perso in questi anni, disperatamente alla ricerca della parte della mela che completi il mio cuore, ormai, così solo ed impietrito…

…Eppure, io la fine del tunnel non la vedo: posso solo sperare, immaginare, osservare, raccontare, pregare, ma non vedo luce alla fine di questo sortilegio che ha annullato tutti i sentimenti, che ha  fatto si che non resti null’altro che sofferenza intorno e dentro, alla disperata e silenziosa ricerca di qualcuno che possa proteggermi dentro il proprio abbraccio, di un amore su cui poter contare adesso e per sempre, per vivere insieme il tempo che rimane, i giorni belli e quelli brutti…

…E poi c’è questa maledetta incognita del tempo che passa inesorabile, e che non ti permette di rimanere sereno, che non ti da modo di essere lucido nel pensare che i sentimenti se ne vanno e non tornato, e di questo tempo rimane il vuoto, i silenzi dei marciapiedi nelle domeniche pomeriggio da solo, nelle sere d’inverno tornando a casa, soli in mezzo ad un gigantesco niente, a piangere e singhiozzare per le strade vuote, deserte e fredde, senza che nessuno si rendesse conto dell’urlo che vibrava dentro di me, e che moriva nel silenzio gelido e vuoto di quel tempo che sembra non voler più andare via.

Non so più che cosa sperare ne che cosa credere: di certo, con il tempo che continua a correre ed avanzare, vedo sempre meno un qualcosa in cui credere davvero, che possa rasserenarmi e, magicamente, cambiare davvero in meglio la mia vita.

Che schifo…

Scrivi un commento