Dove sono finiti i miei sogni?

Dove sono finiti i miei sogni

Dove sono finiti i miei sogni? Dove sono andati a finire tutti quei progetti che desideravo, tutta quella che vita e quella forza che mi scorreva nelle vene?

Dove sono finiti i miei sogni? Che fine hanno fatto tutti quei progetti, tutte quelle gioie che volevo provare, tutte quelle belle sensazioni che ho cercato da una vita, tutti quei frangenti in cui immaginavo la radiosità di un futuro azzurro e sereno?

La mia mente torna indietro: torna indietro a mattini freddi e sereni, trascorsi a camminare lungo i marciapiedi, pensando, raccontando a me stesso quanto meraviglioso fosse un mattino azzurro, nel silenzio di giornate che scorrevano e che mi sembravano talmente belle da sembrare quasi irreali. ero sereno, il tempo scorreva nella più totale tranquillità, in quei tipici frangenti in cui senti che ti sei lasciato il peggio alle spalle…

…Ma poi sono cresciuto, siamo cresciuti, e tutti quei momenti ce li siamo lasciati indietro per sempre, sapendo che non torneranno mai più uguali perché noi per primi non saremo più uguali: le mattine non sono più azzurre, gli odori non sono più gli stessi, la gente non sorride più, e, forse, neppure noi siamo gli stessi di quindici, venti anni fa, quando eravamo spensierati, quando non avevamo niente che ci potesse fermare, e nulla poteva scalfire la sicurezza del nostro vissuto spensierato, felice, pieno di speranze per quel futuro che tanto abbiamo sognato, e che oggi viviamo come il ricorso di ieri.

E quei momenti vivono soltanto nella mente e nel cuore, con l’amara, assoluta certezza che niente sarà mai più uguale: vivremo, di certo, nuove sensazioni, nuove speranze, nuove idee, nuove esperienze, ma mai più niente sarà ciò che era un tempo. E mi fa male pensarlo, e mi fa male accettarlo, ma non esiste una deroga a questo dolore…

Scrivi un commento