E' passato un mese , ma io non riesco a non pensarci ...


No , non riesco .
In preda alle immagini che corrono veloci nella mente come un film , troppo veloci , e distruggono la mia calma , e i miei nervi .
Mi sento praticamente fuori uso : alle volte penso che dovrei fare una bella sosta ai box per riflettere su , per darmi forza , ma non riesco .
Le imnmagini sono troppo vive nella mente , sono troppo presenti .
Stamattina un raggio di sole è filtrato dalle persiane , e leggero ha colpito i miei occhi , e l’illusione , la mia amica illusione , si è fatta viva .
Sognavo , sentivo ancora la tua voce nell’altra stanza , sentivo i tuoi passi da dietro la porta , e mi sembrava di sentire la tua voce che sussurrava piano , sottovoce , mentre facevi colazione .
Sognavo ad occhi aperti , sveglio , e m’illudevo di sentire ancora i tuo passi leggeri , la tua voce mentre guardavi la TV facendo colazione , ma sopratutto , mi sembrava ancora di sentire il tuo buongiorno , di sentire la tua bocca sulla mia appena sveglio , di sentire quel tuo abbraccio appena mettevo i piedi a terra , e tu mi dicevi “buongiorno amore” .
E nel guardare il calendario , nel vedere che ora era , è come un coltello che mi trafigge . Un coltello appuntito che mi entra dentro , ripensando ai ricordi che ti distruggono , a quelle scene , ripensando che ormai è passato un mese , e ti rivedo ancora accanto a me , per la strada .
E’ passato un mese , e tu eri la , su quella sedia , vicina a me , ma non riesco a rendermi conto del tempo che è passato , e non riesco a vedere quella sedia vuota , quella stessa sedia che un mese fà ti vedeva vicina a me , a ridere e scherzare .
E non posso pensare che in questo momento , mentre ti sto scrivendo , ma un mese fà , eravamo per la strada a ridere e scherzare , sotto il sole cocente di agosto , sotto il solleone , riparati dall’ombra di qualche albero sparuto per la strada .
E poi , iniziava il magico pomeriggio , fotocopia della mattina per allegria e risate , per emozioni e vita , girando per i negozi , con le mie battute che tanto ti facevano ridere .
E’ passato un mese , ma non riesco ad accorgermene , non riesco a percepire la tua assenza attorno a me , non iresco a vedere questa stanza così vuota , non riesco ad immaginare che in una giornata calda come quella di oggi , con il sole ed il cielo azzurro , come quella di oggi , eravamo insieme , e ci sembrava un miracolo , e non ce ne accorgevamo , e non capivamo cosa stava succedendo , e nei tuoi occhi viveva un sogno , ma è passato un mese , silenzioso , rapido , come il vento sulla pelle , come il vuoto che adesso mi resta tra le dita , polvere di te nell’anima e nel cuore , e intorno a me mi rimane il vuoto , mi rimane solo un tuo biglietto , mi rimane solo l’illusione ….

9 Commenti

Scrivi un commento