Quell'eterna sensazione di incompletezza in sottofondo...

Quell eterna sensazione di incompletezza in sottofondo

Quell’eterna sensazione di incompletezza in sottofondo, che niente e nessuno sembra riuscire a strappare più via facendo tornare il sereno…

Quell’eterna sensazione di incompletezza in sottofondo, quel costante senso di paura e smarrimento che senti, ormai, silenziosamente in maniera costante, come pegno da pagare nel tempo che vivi. 

È una sensazione costante, un rumore, un fruscio incessante che fa da cornice alla vita senza mai smettere, e continua e non smette mai, e non riesce a smettere neppure se tenti di non pensarci: è talmente tanto presente che non puoi ignorarlo, che non puoi fare finta che non esista, ma puoi solo piegarti alla sua esistenza trascinando, stancamente, questo tempo che vivi, andando avanti nell’inerzia di questo volere così triste, così silenzioso ma così maledettamente ed atrocemente presente, tanto da non potere ignorare qualcosa che c’è, che esiste in maniera tangibile, ed è quasi una sorta di preoccupazione che non passa, di vita sempre identica e senza mai una vera gioia, una sincera sorpresa, un cambiamento che faccia la reale differenza nel tempo che vivi giorno dopo giorno. Niente. Solamente questo senso di vuoto, di oppressione, di pesantezza nell’affrontare un vivere conosciuto, un vivere lento e trascinato, che va avanti per una stanca inerzia senza mai una vera fine…

E così, eccoci a vivere una vita che non sembra appartenerci, che non sembra essere quel che volevamo e che desideravamo davvero, ben lontana da ogni progetto studiato per tanti anni. Resta il dolore, resta questa stanca solitudine fatta di piccoli compromessi e leggeri spazi di pausa, che, quasi mai, ti danno una reale tregua, perché potrai anche fare finta, per una sera, che tutto vada bene, ma quelle preoccupazioni ti aspettano la, al varco, sperando che qualcosa cambi, quando questo qualcosa, in realtà, non cambia veramente mai.

È tutto così maledettamente difficile, e non sai neppure perché…

Scrivi un commento