Eterne illusioni, eterna voglia di amare...

Eterne illusioni eterna voglia di amare

Eterne illusioni, eterna voglia di amare… Passa il tempo e non passa niente di tutto quello che desideri, ma questa vita rimane lì, così com’è…

Eterne illusioni, eterna voglia di amare… Ti volti, ancora, sperando e cercando quel qualcosa che neppure c’è, che neppure lontanamente sembra voler esistere, e la mente torna a tutti quei giorni trascorsi a sperare ed aspettare, a credere che le cose potessero andare diversamente, meglio di così, quando non è mai cambiato niente, ed è rimasta così solo questa maledetta illusione di sperare in una forma di cambiamento, che non arriva mai.

Anni di amore che si perdono in un volto che si gira dall’altra parte per non guardarti, per volerti dire e dimostrare che sei diventato un estraneo, senza nemmeno rendersi conto che, forse, se c’è davvero una persona ridicola, in tutta questa vicenda, non sei affatto tu, ma non puoi certo pretendere che gente senza cuore possa essere in grado di analizzare i propri difetti rendendosene conto!

E così, intanto, la vita passa, e ti porti appresso le coltellate che hai preso durante il tuo tempo, durante la tua vita, quando nessuno si è mai reso conto nemmeno di averti fatto del male, e ancora cerchi di sperare che domani, magicamente, le cose possano cambiare… Non ci credo, non riesco a crederci, e non posso ancora perdere il mio tempo a sperare in un cambiamento, che, di fatto, non c’è, non esiste!

Pensi che, forse, qualcosa sarà diverso, pensi che, forse, quella ragazza vorrà scambiare due parole con te, che forse ti darà modo di farti conoscere, o che quella donna si renderà conto di quanto abbia sbagliato nel lasciarti andare, nel perderti, ma la verità è che solamente chi ama soffre davvero, soffre profondamente.

Il resto delle persone vivono una strana “non realtà”, fatta di un “vivere alla giornata”, senza più un accenno di futuro o di progetto… E, a poco a poco, è così che si diventa: non hai più accenni di futuro: tra le mani, ti resta solo il dolore della consapevolezza…

(Illustrazione dal web)

Scrivi un commento