Facebook, diffamazione come per la stampa

Diffamare qualcuno su Facebook è grave come farlo attraverso un giornale: lo conferma una sentenza del Tribunale di Livorno. Scopriamo perché.

“Delitto di diffamazione aggravato dall’aver arrecato l’offesa con un mezzo di pubblicità equiparato sotto il profilo sanzionatorio alla diffamazione commessa con il mezzo della stampa”: così viene definita, dai Giudici, la diffamazione a mezzo Facebook, proprio ad indicare che non c’è alcuna differenza tra chi diffama tramite un giornale e chi lo fa tramite il Social Network.

La conferma è arrivata da una sentenza del Tribunale di Livorno, dopo che una ragazza, licenziata dal Centro Estetico dove lavorava, si è scagliata contro il Centro stesso e contro il suo Direttore: nel caso di specie, inoltre, si è verificata anche l’aggravante del razzismo, essendo l’uomo di origine albanese, ed essendo stata, la ragazza, molto poco carina!

La giovane è stata condannata ad una multa di 100 Euro: pensateci la prossima volta che vi viene voglia di sparare a zero contro tutti dal vostro Profilo!

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!