Frustranti e dolorose consapevolezze...

Frustranti e dolorose consapevolezze

Frustranti e dolorose consapevolezze, specialmente se stai che il tempo sta passando e tu sei la, fermo al palo, ad attendere non si sa neppure cosa…

Frustranti e dolorose consapevolezze, tipiche di quelle che ti prendono all’improvviso e ti lasciano la, fermo, al palo, ad attendere non sai neppure tu che cosa, senza parole, senza idee, senza niente da domandare…

…E’ accaduto tutto qualche sera fa: si sa, tutti abbiamo persone che, per un motivo o per un altro, abbiamo perso lungo il tracciato della vita… Ero curioso di sapere che fine avesse fatto quella persona con cui ho condiviso tante serate di divertimento e risate: in fondo, era fidanzato con una persona che conoscevo, con il quale, lo ripeto, ho passato anni interi di divertimento, risate, spensieratezza, quando ancora sapevo il significato di questa parola. Ricordo solamente che fu lasciato pochi giorni prima che accadesse a me la medesima cosa, ricordo solo questo: poi l’ho perso. Fine.

Ebbene, a distanza di quattro anni questa persona ha trovato una ragazza, si è fidanzato, e, dopo nove mesi (e neppure), si è sposato, andando a vivere in una casa bellissima: adesso, credo che ci sia qualcosa che non va, ma mica in lui eh, quanto nella consapevolezza di essere atrocemente indietro sulla tabella di marcia!

Sempre qualche giorno fa ho incontrato la mamma di una cara amica, anch’essa perduta chissà dove nel tempo, che mi raccontava come la figlia avesse compiuto un anno di matrimonio: effettivamente, c’è stato un periodo, diversi mesi fa, in cui quasi tutti i miei amici si sono sposati, e ammetto che questa cosa rappresenta un fardello pesante e frustrante, anche se mi continuano a dire “ma figurati, ma che pensieri ti fai, sei nel tuo tempo! Stai tranquillo, per l’amore non c’è età, qualunque età va benissimo!”

Tutte troiate: l’amore ha un’età e una data di scadenza, come ha una data di scadenza la “macchina biologica” che tutti noi abbiamo, sia uomini che donne. Sono tutte cretinate quando ti senti dire: “eh, vabbè, puoi anche innamorarti a settanta, ottanta anni!” Tutte cazzate: credo che anche l’amore abbia un tempo preciso, trascorso il quale c’è la data di scadenza, e se non arrivi in tempo hai, semplicemente, perso la tua occasione, che ti piaccia oppure no. Sfido chiunque a volermi dimostrare il contrario: il rischio di cadere nel ridicolo, superata una certa età, è veramente grande, e l’ipotesi di amori in età avanzata, di fatto, troncano tante possibilità che hai da giovane. E se non ci sei arrivato, semplicemente, sei fottuto: hai perso il tuo tempo.

E, francamente, tutto questo mi fa sprofondare in un’enorme angoscia…

Scrivi un commento