Ho cercato mille volte quelle stesse emozioni

Ho cercato mille volte quelle stesse emozioni

Ho cercato mille volte quelle stesse emozioni e non le ho mai più trovate uguali: mi sono perso nel ricordo ma non è mai servito a niente…

Ho cercato mille volte quelle stesse emozioni, ho cercato di ritrovare occhi, volti e voci nelle strade che, da sempre, sono sempre le stesse, nei frangenti, nelle ombre dei palazzi, nel paesaggio intorno, ma non sono mai riuscito a ritrovare quelle emozioni che ho perduto, anche sapendo che non poteva andare diversamente, certo, ma con l’estrema coscienza di una perdita ormai irreparabile!

Ho cercato ancora di sentire le voci, gli odori dei sabato sera che sembravano dipinti di un colore particolare, di una luce diversa, di una perfezione fatta apposta per noi, fatta apposta per il nostro equilibrio, per il nostro vivere insieme, dove non mi mancava nulla, almeno apparentemente: la vita mi ha messo di fronte a crude verità che ho dovuto mal digerire, ma che ho dovuto ugualmente accettare, e col senno di poi non posso che essere grato per la grande occasione che ho avuto, ma quel qualcosa perduto per sempre mi resta dentro come ogni parola perduta, come ogni emozione che non è mai più tornata uguale.

E certo, mi dispiace: mi dispiace perché adoravo la perfetta sintonia di quelle parole, di quegli sguardi, di quel silenzio fatto apposta per essere felici, come il tempo che si è volatilizzato senza che quasi me ne accorgessi. Ritorno con il pensiero a momenti splendidi, a gioie infinite che infinite non sono state, a progetti, a speranze che ho riposto in uno scatolone, per ricordarmi di ciò che sono stato e che non sarò mai più, quantomeno non nella stessa forma.

Ed intanto cerco, ancora una volta, di perdermi in un ricordo sperando di sentire quella stessa energia, ma forse era così che il tempo doveva andare…

Scrivi un commento