I silenzi delle strade nella notte

I silenzi delle strade nella notte

I silenzi delle strade nella notte, quando non esiste più niente se non il buio, il silenzio, il rumore di te stesso che esisti, che cammini nel vuoto delle strade…

I silenzi delle strade nella notte: è una sensazione che ho provato tante volte e che adoro, perché mi permette di tornare ad essere in equilibrio con me stesso, lontano dai rumori, dalla gente, dai clacson, dalla vita frenetica che non ti permette nemmeno di respirare.

Non so, forse è perché mi sono sempre sentito un po gatto, o forse in un’altra vita lo ero, ma è una sensazione stupenda camminare per le strade deserte, di notte, magari in compagnia di qualcuno, parlando, raccontando, specialmente in estate, quando le giornate sono maledettamente bollenti e soltanto la sera puoi trovare un po di pace: cammini per i vicoli, ascolti il silenzio, parli con i gatti che camminano sui muri o al centro della strada, perché, in fondo, non c’è nessuno che possa dar loro fastidio… E in tutto questo, senti la magia della notte, senti il suo equilibrio, la sua incredibile calma ristoratrice, quelle strade che si trasformano e raccontano storie di gente sola, di persone che vanno chissà dove, che tornano dal lavoro o che stanno per andarci. Storie di solitudini, di sofferenze, di strade che s’incrociano, di luci che si stagliano lontane come i rumori della città, abbandonati in lontananza. Resti fermo su una panchina ed osservi, meravigliosa, la luna, le stelle, il silenzio, le persone che non esistono se non dentro le loro case, e tu che sei il padrone della città, tu che vivi quegli angoli così familiari di giorno, e così maternamente accoglienti di notte.

E’ una sensazione che tutti dovremmo provare, senza aver paura, ma soltanto accogliendo la pace ed il silenzio che solo la città di notte sa, magicamente, donarci!

Scrivi un commento