Il baratro del dolore

Il baratro del dolore

Il baratro del dolore è quella sensazione di vuotezza ed invisibilità che provi quando nessuno si rende conto di quanta voglia di piangere hai…

Il baratro del dolore è una sensazione che provato tante, troppe volte nella mia vita: è quella sensazione che continui a sentirti addosso quando ti rendi conto che il tuo silenzio si perde tra l’indifferenza della gente, e le tue lacrime, e tutto quel dolore, tutto quel silenzio che senti dentro, si mischia all’invisibilità dell’essere soltanto un puntino in mezzo ad altre persone, uno tra i tanti che soffre tra tanti e sente silenzio tra tanti.

Alla gente non importa niente che tu stia male, che tu voglia piangere: alla gente importa soltanto di vivere la propria vita, il proprio tempo, di pensare al proprio futuro, alle proprie cose, ai propri affetti. Al diavolo chi si sente solo, chi è solo, chi vive l’indifferenza di un tempo che non ha mai tempo: è quella sensazione che provi in quegli eterni pomeriggi d’estate, tutti uguali, camminando nel vuoto delle strade deserte, dei pomeriggi arsi dal sole, dove trovare ombra è impossibile, e in ogni angolo delle strade vedi, forse, gente sola, invisibile e triste come te, perduta nel proprio silenzio, con la faccia bassa, a guardare il marciapiede, a cercare metodi per fermare la mente che urla il suo dolore, e quei maledetti pensieri che si accavallano, l’uno sull’altro, e ti urlano addosso, e pretendono di essere ascoltati, ma tu non sai nemmeno cosa fare per dar loro retta in qualche maniera, e sei costretto, solamente, a lasciarti fustigare, inerte, dal dolore, consapevole che non c’è nulla che tu possa fare. Che nulla di ciò che desideri veramente può avverarsi.

E vivi questo tempo vuoto, fatto di silenzio e giornate tutte uguali. Sempre le stesse, con le stesse facce negli stessi luoghi agli stessi orari. Ma quello che ti manca davvero, quello che, concretamente, cerchi, no: non c’è e non puoi fare niente per averlo. Resta solo la sofferenza tra le mani, e tu che non puoi fare altro…

Scrivi un commento