Il dolce di un momento

Il dolce di un momento

Il dolce di un momento, prima che esploda il disgustoso dolore del rendersi conto che la realtà non è quella impressa nei ricordi o in un film…

Il dolce di un momento, prima che il tempo ti riporti violentemente ad oggi, a farti rendere conto che la vita è tutta un’altra cosa rispetto a un film che vedi e rivedi, rispetto a fotografie, ad immagini, a suoni, a sensazioni, a ricordi impressi per sempre in un filmato da guardare, quasi come se quei momenti tornassero, anche se sai bene, in fondo, che non torneranno mai più uguali…

E ti ritrovi, così, a guardare e riguardare momenti già vissuti, cercando di cogliere sfumature nuove, momenti diversi, gioie passate, e ti sembra che, per un solo momento, il dolore non esista più. Ma no, il dolore esiste, esiste eccome, e non puoi far altro che cercare di distrarti tornando con la mente a quegli odori, tornando con la mente al tempo che è stato, ricordando di che colore era il cielo, quali odori fossero vibranti nell’aria, e che spettacolo fosse la sera mano nella mano…

Ti fermi e resti, imbambolato, a cercare, adesso, quelle stesse sensazioni, ma più ti sforzi e più non riesci a trovarle in nessuna maniera, in nessun modo possibile: ti guardi intorno, provi a cercare un pezzo di cuore, un frammento dell’equilibrio che hai perso, cerchi di sorridere e, mentre lo fai, cadono soltanto lacrime, cadono soltanto lacrime di dolore vero, di un dolore mai sopito del tutto per quella vita che avevi desiderato, per quella vita che avevi voluto, per quei progetti che avevi scritto con tanta fatica e con tanto sudore, nelle ore, nel tempo, nell’amore che cresceva dentro gli occhi.

…E poi esplode l’amaro di una realtà che sembra non aver alcun senso, se non quello di un dolore che batte, che batte, che c’è e non va via. Puoi ignorarlo, ma nel profondo sai che c’è. E fa male. Fa tanto male.

Scrivi un commento