Il dolore si supera, ma non si dimentica

Il dolore si supera ma non si dimentica

Il dolore si supera, ci permette di andare avanti nonostante tutto e nonostante tutti, ma non si dimentica mai, forse perché sarebbe davvero pericoloso dimenticarlo…

Il dolore che tutti noi abbiamo provato nella nostra vita ci permette, di certo, di crescere, ci permette di osservare noi stessi da nuove prospettive e da nuovi punti di vista, ma non ci abbandona mai, perché ti scava talmente dentro da non permetterti di dimenticare.

Per carità, probabilmente è anche la cosa più giusta ed importante, probabilmente perché dimenticare significherebbe non far tesoro di esperienze che ci hanno forgiato, e, quasi sicuramente, ricadere in dinamiche deleterie e pericolose per il nostro tempo, ma è praticamente impossibile vivere senza l’ombra di quel marchio di dolore che ci è rimasto impresso per sempre, quasi marchiato a fuoco sulla pelle, come a volerci ricordare chi siamo adesso, certo, ma cosa abbiamo passato per giungere a questo punto, per diventare ciò che siamo nonostante tutto il dolore che abbiamo provato a vivo sulla pelle e sul cuore, senza sconti, senza mezzi termini, senza alcun tipo di pietà.

Certo, diventa difficile, dopo aver vissuto tanto dolore, non diventare brutte persone, non diventare come chi ci ha ferito ed anche peggio e non mettere in pratica ulteriori, simili, dinamiche di sofferenza, ma la vita pensa a questo, insegnandoci a diventare più cauti e riflessivi, maggiormente accorti nei modi di pensare ed agire, senza troppe preoccupazioni, certo, così come senza troppe esitazioni, ma diretti nella consapevolezza di tutto quel che abbiamo già visto e vissuto su di noi, sulla nostra pelle, sul nostro tempo trascorso.

Non dobbiamo abbatterci nonostante tutto quel dolore che ci portiamo appresso come una pesante eredità che altri han voluto per noi: dobbiamo solo renderci conto che oggi è meglio di ieri, perché siamo più forti e perché, nonostante tutto e tutti, siamo ancora vivi, pronti a raccontare la nostra storia per far si che altri possano farne tesoro. E non è affatto poco!

Scrivi un commento