Il Referendum e la fallace speranza dei compagni

Ancora una volta, c’è da ridere: i compagni sono convinti che un voto positivo al Referendum significi cacciare Berlusconi. Poveri illusi.

Loro ci provano, poveri: sanno di essere con l’acqua alla gola, e quindi ci fanno capire che “il voto avrà ripercussioni politiche”. Ma non lo avevate già detto qualche settimana fa con le elezioni a Milano e a Napoli?

La cosa più sorprendente, però, è vedere la loro convinzione: è più una rassegnazione all’ormai conclamata incapacità politica che da anni attanaglia l’opposizione, totalmente allo sbaraglio e disgiunta.

Viene da chiedersi perchè continuino a dire simili falsità: un eventuale riscontro positivo del Referendum non avrà nessun tipo di conseguenza sul Governo stesso e sui restanti anni di legislatura. Non sarà certo il voto di un Referendum a far saltare un Governo solido come quello attuale!

Forse la sinistra dimentica che, qualche anno fa, era la prima ad urlare di “non andare al voto“: ennesimo esempio di incoerenza e falsità, che da sempre contraddistingue certa parte politica.

Ma la sinistra, ve le ha dette un paio di cosette che, forse, non sapete? No?

Allora forse non sapete che se vince il SI al legittimo impedimento, la legge verrà abrogata 10 giorni prima che decada da sola! La legge, infatti, verrebbe abrogata a fine Settembre 2011: peccato che non sarebbe più stata valida dal 9 Ottobre 2011!
Forse non sapete, poi, che il referendum lascia inalterata la possibilità, per il legislatore, di reintrodurre la norma abrogata!

Forse, poi, non sapete che in caso di raggiungimento del quorum, le restanti tre leggi sarebbero sostituite da leggi europee (due) mentre la terza sarebbe, in buona sostanza, già abrogata. Adesso, si vanteranno ancora i compagni per la loro pseudovittoria? Conoscendoli, probabilmente si: a loro basta poco, in fondo!

Quindi, poveri amici della sinistra, non sarebbe ora di cominciare a farla finita con la demagogia e il fumo negli occhi? Pensate a fare opposizione piuttosto che sparare falsità. Sempre che, ovviamente, riuscitate nell’impresa di fare opposizione: gli ultimi 15 anni di Governo suggeriscono tutt’altro!

8 Commenti

  1. Pingback: upnews.it

    Il Referendum e la fallace speranza dei compagni…

    Ancora una volta, c’è da ridere: i compagni sono convinti che un voto positivo al Referendum significi cacciare Berlusconi. Poveri illusi. Loro ci provano, poveri: sanno di essere con l’acqua alla gola, e quindi ci fanno capire che “il voto avrà rip…

  2. Pingback: diggita.it

    Il Referendum e la fallace speranza dei compagni…

    Ancora una volta, c’è da ridere: i compagni sono convinti che un voto positivo al Referendum significi cacciare Berlusconi. Poveri illusi. Loro ci provano, poveri: sanno di essere con l’acqua alla gola, e quindi ci fanno capire che “il voto avrà rip…

  3. Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

    Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

    Ancora una volta, c’è da ridere: i compagni sono convinti che un voto positivo al Referendum significi cacciare Berlusconi. Poveri illusi. Loro ci provano, poveri: sanno di essere con l’acqua alla gola, e quindi ci fanno capire che "il voto avrà…

  4. Pingback: notizieflash.com

    Il Referendum e la fallace speranza dei compagni…

    Ancora una volta, c’è da ridere: i compagni sono convinti che un voto positivo al Referendum significi cacciare Berlusconi. Poveri illusi. Loro ci provano, poveri: sanno di essere con l’acqua alla gola, e quindi ci fanno capire che “il voto avrà rip…

  5. Le leggi abrogate si possono reintrodurre sì, ma dopo 5 (cinque) anni; o meglio, si possono COMINCIARE a fare tra 5 anni, e finire tra molti di più, vista la burocrazia.
    “In buona sostanza già abrogata” la legge sul nucleare? I giudici della Consulta dicono l’esatto contrario. Accettiamole almeno le sentenze, e accettiamo che una parte dell’elettorato di centrodestra ha votato 4 sì…
    Ma vabbè, lasciamo stare, acqua passata ormai: ste cose forse era meglio dirle prima. O forse hai sentito i TG 1 e 2 sbagliare le date e perciò pensavi si votasse martedì? ^_^

  6. La mia verità, invece, tenuto conto che B. a parole ha lasciato libertà di voto, è che ha vinto anche il PDL…
    Nel senso che ha vinto quella piccola ma non nulla parte di coloro che, pur votando PDL alle penultime elezioni, avrebbe votato almeno un sì, chi il primo referendum, chi il secondo, chi il terzo, chi addirittura il quarto (stando al numero di elettori PDL nazionale stimato approssimativamente dalle penultime recentissime elezioni). L’altra parte del PDL, quella che ha votato no o non ha esercitato il suo dovere di voto, e pure quella che ha rifiutato qualche scheda invece di annullarla che era lo stesso, è quindi riuscita nell’impresa di perdere mentre gli altri del suo partito vincevano… :D Non voglio infierire :D
    Non sto parlando di te, in quanto il tuo voto è giustamente segreto.
    Ecco, secondo me qualcosa cambierà da questo referendum: la prossima volta Alemanno e Berlusconi non dichiareranno il voto :D

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!