Impotente consapevolezza


Alle volte la vita ci riserva delle strane sorprese : sembra che tutto vada dritto , perfetto , ma poi ti accorgi che stai vivendo l’ impotente consapevolezza di andare incontro al dolore , per una persona che se ne va , lontana , e le lacrime che cadono sembrano gocce nell’oceano , perdute nella malinconia e nei ricordi , nella sofferenza di mille pensieri e di mille scene che rivivono , ma che ormai sono lontane , perchè quei foglietti sul calendario sono volati , veloci come il vento d’autunno , che spazza via le foglie morte e lascia intorno solo il freddo e il dolore , e le lacrime che cadono dal cielo , che sembrano rigare il viso di quel cielo azzurro , con le nuvole grigie che nascondono l’ultimo sole d’estate , che non riscaldera più i fiori blu , e gli alberi di limoni , che emanavano gli odori di una estate felice .
I ricodi piano piano schiariscono e si alza soltanto la polvere , e la tempesta sembra alzarsi in volo .
I gabbiani se ne vanno verso il tramonto , volano lontani , e un teno veloce se ne va via , verso mete lontane , e il cuore vorrebbe andare lontano , vorrebbe volare libero , felice , ma qualcosa lo tiene legato , lo tiene stretto , saldo a terra .
Quel cuore che alle volte soffre , e piange di tristezza per chi se ne va , e per quel senso di vuoto e di addio , quel cuore che vorrebbe solo rivivere ancora quei momenti , e vorrebbe riportare indietro le lancette dell’orologio .
Indietro , indietro , indietro , a quel giorno in cui un aereo atterrava sotto il cielo azzurro , limpido d’estate , come il cuore di chi era a terra , preoccupato per un ritardo di quel volo che sembrava non volerlo farlo felice , non volerlo realizzare .
Ma poi , tutto d’un tratto , si accorse che quello che voleva si stava piano piano realizzando , lo stava rendendo sempre più felice , e quel sole lo riscaldava come quell’amore , ora lontano .
E ripercorrere con la mente riporta ancora a quella impotente consapevolezza , che fa soltanto male .

11 Commenti

  1. Ma cos’è successo Giomba, perche questa skin nera? E’ successo qualcosa?
    Anche io vorrei tornare indietro, fare certe cose che non ho fatto, rifare certe cose che ho fatto ed evitare quelle cose di cui mi pento. Sarebbe bello poter far tornare indietro il treno della vita!!!!

  2. Caro XY, se noi siamo squallidi, tu sei il diavolo in persona. Tornatene all’inferno, sterco delle Malebolge, feccia nera della Giudecca, gabinetto dell’Acheronte.
    Certo che gente così tarda a morire!

Scrivi un commento