Irriconoscenza e cattiveria: due facce della stessa meschinità!

Irriconoscenza e cattiveria due facce della stessa meschinità

Irriconoscenza e cattiveria: due facce della stessa meschinità. Due facce di uno stesso, medesimo, deprecabile modo di agire.

Irriconoscenza e cattiveria: due facce della stessa meschinità. Stiamo parlando di due facce di un medesimo, schifoso, deprecabile, vergognoso modo di agire, che, quasi sempre, per non dire assolutamente sempre, rappresenta la totale meschinità di chi mette in atto questi “pattern” di comportamento.

Gli irriconoscenti sono sempre e comunque persone cattive, senza nessuno scrupolo: gente che ha dimenticato ben presto cosa significhi essere salvati da situazioni spiacevoli, e, adesso, millantano e vantano tristi successi a cui sono arrivati “grazie ai loro sacrifici”. Poverini, vanno quasi compatiti: forse, costoro possono prendere in giro chi non li conosce, ma non chi, davvero, conosce la verità dietro le bugie che pretendono di propinare al loro prossimo, dimenticando – spesso colpevolmente – chi ha fatto per loro cosa, perché anche solo pensarci è, per questa gente, sinonimo della stessa sconfitta che portano avanti ogni giorno, e che li vedrebbe negativamente protagonisti se solo venissero scoperti per ciò che davvero sono e rappresentano!

Ma no, queste persone hanno la presunzione quasi totale di apparire puri, immacolati, casti di fronte al parere della gente, sopratutto di quella che non conosce il reale evolversi delle cose, e pensa che le storie che questa gente ama inventare rappresentino il reale svolgimento del corso degli eventi, ma quasi nessuno si prende la reale briga di sentire più campane e conoscere il reale svolgimento dei fatti.

E’ gente che, a quanto pare, sembra volersi accontentare con poco, con quella miseria, stupida, voglia di apparire per quel che non sono e non saranno mai, vista la disastrosa vita che hanno già trascorso per tanto, troppo tempo. 

Gente senza arte ne parte che pretende di apparire in uno splendore artefatto, figlio della loro stupida mestizia, che li ha condannati una volta e li condannerà per sempre!

Scrivi un commento