Italia, paese di talenti nascosti?

La domanda sorge spontanea: a cercare la risposta ci pensa il nuovo show di Canale 5, “Italia’s got talent”, “italianizzazione” del format originale americano, “America’s got talent”, famoso per aver scoperto il fenomeno “Susan Boyle“.

Sabato 12 è andata in onda in prima serata la puntata “numero zero” (la puntata “numero zero”, per chi non lo sapesse, è il “test di trasmissione”: serve a vedere la reazione del pubblico. Se il pubblico reagisce positivamente, come in questo caso, il programma continua! N.D.Giomba) che ha avuto un risultato davvero importante, con oltre il 27% di share, che prenota così, per il programma stesso, la prima serata del prossimo anno, dal momento che la reazione è stata più che positiva.
Effettivamente,
guardando gli strani “talenti” presentati, tra gente che canta con i piedi in aria, fachiri che ingoiano giraviti, e illusionisti che si staccano la testa, si possono scorgere, magari ben nascosti, dei veri e propri talenti mascherati da “facce qualsiasi”, che è possibile vedere ogni giorno, in giro, dal panettiere o al supermercato.
E’ il caso, ad esempio, di Carmen, trentottenne con la speranza di “vivere con la musica”, da sempre presa in giro e maltrattata da tanti per la sua imponente stazza: la sua esibizione ha emozionato tutti, compresi i giurati che hanno pianto ascoltandola.
Ma non è soltanto questo il caso: mi ha davvero impressionato, ad esempio, un siognore di mezza età che si è presentato cantando il “Vincerò” che ha beccato in pieno il famosissimo “Do di petto” (cosa che riesce davvero a pochi professionisti! N.D.Giomba)

In entrambi i casi, il pubblico ha reagito alzandosi in piedi ed esultando: forse, è proprio vero che anche tra gli italiani è ben celata qualche “Susan Boyle”… Basta scovarla!

Scrivi un commento