L'URAGANO KYRILL LAMBISCE L'ITALIA : Ecco cosa ci aspetta , e cosa (non) fare


L’Uragano Kyrill , che ha gia mietuto quasi 40 vittime , sembra stia lambendo l’Italia . Sulle Alpi , infatti , si registrano venti che soffiano a 180 Km/h . La situazione , però , sembra essere sotto controllo .

Dopo aver colpito Francia , Germania , Gran Bretagna , Polonia e Belgio , l’Uragano Kyrill , con venti fino a 190 Km/h , sembra avere nel mirino anche Piemonte , Lombardia e Valle d’Aosta . L’allarme è scattato gia nei giorni scorsi , quando i meteorologi hanno visto che la tempoesta potrebbe arrivare a lambire queste regioni .
I paesi colpiti dall’Uragano hanno subito diverse e , più o meno gravi , ripercussioni : anzitutto le vittime che , come detto , si attestano alla cifra di 38 . A questo scenario abbastanza preoccupante , si affaccia una fortunata notizia : nonostante le previsioni , la Svizzera è stata pressochè risparmiata dalla potenza dell’Uragano , al contrario di quanto si era previsto .
La Germania , invece , è quella più duramente colpita : Kyrill sta scatenando qui la sua forza distruttiva , con venti che arrivano anche a 200 Km/h . Anche la Gran Bretagna è fortemente colpita dalla potenza distruttiva di Kyrill .
Uno scenario abbastanza significativo , che la dice lunga , in uno sguardo d’insieme , sui cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo il nostro pianeta (ripercussione , questa , anche dei fiori gia sbocciati , delle farfalle già arrivate , di mandorli in fiore e mimose già fiorite)

Cosa fare e cosa non fare , quindi ?
Anzitutto la parola d’ordine è di evitare gli allarmismi : sebbene la situazione sia abbastanza grave , Kyrill lambirà solo superficialmente l’Italia . Nonostante gli effetti del ciclone sono previsti tra due giorni , a detta degli esperti , siamo protetti dalle Alpi e comunque verremo colpiti in maniera molto superficiale .

Insomma , non è il caso di preoccuparsi o di creare allarmismi inutili : dobbiamo solo attendere che questa situazione si calmi , tranquillamente …
Più che altro , forse , dovremmo interrogarci su come il nostro Pianeta stia cambiando , e visto che siamo ancora in tempo , porre rimedio !

16 Commenti

  1. purtroppo da noi in Sardegna il killer si sta facendo già sentire. Il vento è potentissimo e camminare in strada è pericoloso perchè vola veramente di tutto.
    Che Dio ce la mandi buona!
    Bacioni!!

  2. Se qualcuno, anzi se quelli che possono fare qualcosa non capiscono che è il caso di intervenire subito prima che la natura si rivolti completamente contro di noi, poveri esseri umani, qui le cose si mettono male…
    Io ne sono sicura, ma purtroppo sono una di quelle che non ha il potere di fare qualcosa…
    Uff…
    Un abbraccio… buon pomeriggio.

  3. Ciao bello! Hai ragione…era un po’ che non ci si sentiva….tutto bene? Spero di si…Ti consiglio di passare da queste parti prossimamente…ci sono grosse novità…quest’anno il calendario è fantastico! E se hai un’amica che vuole partecipare…be’…digli che si affrettasse!! Un abbraccio!!

  4. mah… 180 non mi pare molto.
    nelle giornate di bora forte noi superiamo i 200.. un paio di anni fa è stato registrato un refolo a 240km/h ma non è successo niente di strano a nessun triestino…..

    oh è stato un piacere votare questo blog!
    ciaoooo

  5. hei!!!!!Mi è partito il post che non avevo finito!!!

    … dicevo: al max possiamo organizzare qualche sit in o tentare qualche protesta alla green peace… oppure supportare queste associazioni,ma il grosso che inquina, purtroppo, ha il potere di continuare lo stesso.

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!