La brutta convinzione di essere perfetti

La brutta convinzione di essere perfetti

La brutta convinzione di essere perfetti, al di sopra di ogni sospetto, sempre integerrimi e precisi in qualsiasi forma morale. La vera rovina!

La brutta convinzione di essere perfetti, di conoscere sempre tutto di tutti, di dire sempre la verità, è esattamente quella strana ed assurda convinzione capace di rovinare e sgretolare interi rapporti umani, distruggendo le persone, distruggendo amicizie, amori, sentimenti!

Perché sentirsi così perfetti? Perché sentirsi così particolarmente adatti a ricoprire il ruolo di una “perfezione autoimposta?”

Forse non ci sono precise risposte a queste domande, ma di certo c’è che qualche cosa può fare la differenza, e quel qualcosa è la consapevolezza di non essere affatto perfetti, anzi! La particolarità, la bellezza, sta proprio nel rendersi conto di essere tutt’altro che perfetti, affascinanti nella nostra assoluta imperfezione, nei nostri piccoli e grandi difetti, nel nostro cercare di migliorarci ogni giorno che passa cercando di far luce su noi stessi, cercando di cambiare le cose, cercando di diventare, in qualche modo, persone con una più particolare voglia di rendere diversa la propria vita.

Insomma, perché questo tentare di primeggiare sempre, questo ostentare conoscenza, virtù, perfezione, peggio ancora se non ci si rende conto di quanto siano proprio queste persone ad essere le prime a non essere affatto ciò che tanto predicano e ciò che tanto pretendono di ostentare!

Una grande raccolta di difetti su difetti, di strano bisogno di apparire che rende solamente più triste e più banalmente ridicolo il rapporto con costoro, che cercando di riflettere di una luce che non appartiene affatto al loro essere, non appartiene per niente al proprio essere tali, ma, al contrario, sembra volerli confinare ad una zona di penombra che condanna questa gente ad una misera banalità!

E allora, perché non abbandonare, una volta e per sempre, questa strana, assurda convinzione autoimposta di essere perfetti?

Scrivi un commento