La certezza di aver seminato il bene

La certezza di aver seminato il bene

La certezza di aver seminato il bene e di poter, oggi, cogliere i frutti del bene che ho sempre cercato di portare avanti, nonostante tutto e tutti!

La certezza di aver seminato il bene, sempre e comunque, nonostante tutto, nonostante tutti, nonostante tutto quel che è stato e tutto quel che ho sofferto. Ma no: non mi sono mai arreso ne mai ho pensato di farlo.

E’ bello, ad un certo momento, rendersi conto di come tu raccolga i frutti di quel bene che hai sempre voluto portare avanti, anche quando ti prendevano quasi per matto, quando nessuno credeva a quella tua bontà senza alcun interesse, portata avanti solamente per il piacere di mettere in atto l’amore e la gioia del condividere, del voler bene, del rendersi conto di come lo stesso bene che si da agli altri fa (paradossalmente) bene a noi stessi, ed ancor di più renderti conto di come quel bene sia ripagato, di come la gente che ti circonda, coloro che ti conoscono, si rendano realmente conto di come tu voglia produttivamente condividere quel bene, che rende felici non solo te stesso, ma anche chi ti sta accanto e ti dimostra fattivamente di essere con te, apprezzando i tuoi gesti, la tua delicatezza, la tua mitezza.

Si, ho sempre portato avanti il bene, coltivato la speranza di un miglior approccio con chi mi circonda, e non ho mai smesso un solo istante, anche quando avevo tutti contro, anche quando venivo criticato, di voler bene ed amare come sempre, anche quando era stupido ed insensato farlo. E badate bene: non confondete il bene con la stupidaggine.

Un buono non è affatto una persona stupida: è solo colui che ha deciso, per sua precisa missione, di seminare bene sperando di raccoglierne, un giorno, i frutti. Ed io posso, orgogliosamente, dire di esserci riuscito!

Scrivi un commento