La mancanza di coraggio fa più male della codardia

La mancanza di coraggio fa più male della codardia

La mancanza di coraggio fa più male della codardia, e quando ci penso non posso che provare un enorme senso di vuoto e di vero sdegno…

La mancanza di coraggio fa più male della codardia, del non sapersi guardare negli occhi ed ammettere falsità, bugie, intrighi: e no, comunque con me non attacca. Solo una vera e profonda falsità interiore, solo uno stato alterato di cose permette ad una persona di non provare la minima sofferenza, mascherando il proprio tempo con “ma io sono andato/a avanti”.

No, tu non sei andato/a avanti: semplicemente, ti porti dentro tanta cattiveria e tanto buio, che ti hanno permesso di non provare nessuna empatia: è facile vivere una vita in cui le persone non sono altro che pedine da spostare a proprio piacimento, pacchi vuoti da gettare via in barba a progetti, amore, amicizie, sentimenti. E’ facile considerare la gente come un involucro vuoto, al pari, molto probabilmente, di come queste stesse persone agiscono nell’arco della loro vita: è così che questi meschini (dicono) di aver successo e di crescere, sulla pelle delle persone che hanno frantumato di dolore e sui dolori dei cuori che hanno calpestato senza provare nessun dolore, nessun rimorso, nessun ripensamento. E lo ripeto: nessun essere “normale” è in grado di comportarsi in questo modo: solo delle persone davvero cattive, davvero deviate, o – forse  davvero da tenere lontane possono comportarsi in questa maniera!

E lo ripeto ancora: con me non attacca. Se questo è crescere, se questo è diventare persone “migliori”, preferisco di gran lunga la mia dignitosa sofferenza: per fortuna, mi rincuora sapere che le vostre maschere si sono distrutte, e che la gente ha imparato a conoscervi. E per quegli sventurati che ancora non sanno chi si cela sotto le vostre mentite spoglie, posso solo augurare di non diventare “vittime” dello stesso dolore che queste persone hanno causato in giro. Che sdegno, davvero…

Scrivi un commento