La paura che tutto cambi per restare tutto com'è...

La paura che tutto cambi per restare tutto come

La paura che tutto cambi per restare tutto com’è è come una sorta di pensiero che ti attanaglia, che ti prende dentro e non ti lascia per niente…

La paura che tutto cambi per restare tutto com’è ti prende dentro, ti lascia senza fiato, ti da voglia di renderti conto come i sogni possano lasciare il posto alla realtà in tempi molto veloci, specie quando le belle cose passano e rimangono, al contrario, le più importanti e dirette realtà da dover affrontare e con cui dover necessariamente fare i conti!

Si, amarsi, l’amore in generale è bello, ma spesso ti lascia addosso dubbi, perplessità, paure che non riesci nemmeno a spiegarti, in una sorta di incredibile senso dell’incertezza e della paura, del niente che possa rimanerti e del tanto che, al contrario, vorresti fosse differente: ti fai delle idee, nutri delle speranze, e magari qualcosa s’avvera pure, ma, ad un certo momento, tocca fare i conti con una ben diversa realtà dei fatti che, obbligatoriamente, ti porta, vuoi o non vuoi, a tentare di capire qualcosa pur senza riuscire a venirne a capo…

E così resti a metà, resti sospeso tra niente e tutto, tra gioia e dolore, tra desiderio e bisogno, e cerchi di far capire quel che provi, e cerchi di trasmettere quello che provi e quello che senti dentro, ma a volte non ci riesci neppure, e queste paure, questi pensieri continuano a vivere dentro di te, continuano a cercare soluzioni anche laddove non c’è soluzione alcuna, forse anche nel breve periodo, e tocca obbligatoriamente fermarsi a fare due calcoli, cercare di comprendere, cercare di capire, cercare di osservare, cercare di dare un senso a tutto questo!

E mentre ti ostini a trovare una soluzione che, forse, neppure c’è, le cose restano tali, e non sai neppure se tutto è cambiato per restare così com’è…

Scrivi un commento