La voce del telefono e quel giorno che non venne mai più

La voce del telefono e quel giorno che non venne mai più

Ero “la voce del telefono”, e tu mi ripetevi che “sarebbe arrivato quel giorno in cui non lo sarei più stato”. Purtroppo, non è andata così…

“La voce del telefono”: sono certo che tu comprenderai a cosa mi riferisco e ricorderai quel particolare.

Che tempi: ho perso il calcolo di tutte quelle notti in cui mi sono buttato in mezzo al gelo e all’umidità per ritornare a casa, e, quando tornavo, diventavo “la voce del telefono”, mentre tu mi ripetevi, una volta di più, che sarebbe giunto il momento in cui io non mi sarei più trasformato in una mera voce, ma, al contrario, saremmo rimasti insieme per ritrovarci insieme l’indomani mattina.

La vita, purtroppo, ha deciso per noi. Anzi, smettiamola di dire la colpa “alla vita”: TU hai deciso per noi, e va anche bene così, non te ne faccio di certo una colpa, anche perché sono vicissitudini e dinamiche che accadono spesso nella vita di tanta gente, e, purtroppo, è capitato a noi. La gente era incredula, ed anche io lo ero.

Eppure, questa notte riflettevo e tornavo indietro con la mente, e mi rendo conto di come io non abbia percezione del tempo passato: mi sembra passato qualche mese ed invece sono due anni e mezzo. Mi sembra incredibile che sia passato tutto questo tempo senza che io me ne sia, praticamente, reso conto, ma ciò che mi dispiace davvero è sapere che, adesso, avrei potuto realmente non essere più “la voce del telefono”, perché adesso non manca più niente. Niente tranne noi.

Non so propriamente se si tratta di un dispiacere, non lo capisco, ma si tratta, sicuramente, di qualcosa che forse è andata per come doveva andare, specialmente con le nuove consapevolezze che il tempo mi ha permesso di accumulare: poteva andare meglio così, o forse doveva andare meglio di così, ma questa vita ci riserva sempre qualche cosa per cui abbiamo sempre modo di sorprenderci.

Chissà, forse adesso non sarò più “la voce del telefono”. Ne per te, ne per nessuno.

Scrivi un commento