L'epilogo che non avrei mai voluto...

L'epilogo che non avrei mai voluto

L’epilogo che non avrei mai voluto conoscere ne che mai avrei immaginato potesse giungere: una delle volte in cui non puoi fare nulla se non dispiacerti…

Mi dispiace, mi dispiace davvero di quest’epilogo: immaginavo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, immaginavo che ci sarebbe stato bel poco di lineare e di coerente, ma sapere che questo è il finale, mi addolora sinceramente, sebbene so che c’è poco da fare per evitarlo.

La vita ci pone, purtroppo, di fronte a situazioni che non possiamo cambiare ne far nulla affinché siano diverse, ma questo non esula dal provare dispiacere, pena umana nei confronti del sofferente, nei confronti di chi, di certo, non è felice di vivere queste esperienze, e che lascia dietro se, in qualche modo, scie di dolore che rimangono tali e ti donano il vuoto, il silenzio, le riflessioni…

…In fondo, sapevo che sarebbe andata a finire così, e sapevo che si poteva fare davvero poco per evitare che questo accadesse, perché, in fondo, non puoi farti carico di dolori e pene voluti e cercati da altri, ma cosa si può fare, alla fine, per alleviare il dolore di chi hai di fronte, se questa persona è alla costante ricerca di un equilibrio che non trova? Cosa puoi fare, tu, per aiutare qualcuno che non vuole essere aiutato? La risposta è, tristemente, una: nulla, tranne provare un grande senso di vuoto e tristezza, di dolore, di pena e di pura sofferenza verso chi sai che sta soffrendo, e che soffrirà, purtroppo, ancora per molto.

La vita, a volte, gioca degli scherzi davvero terribili, creando regole sadiche, in cui non puoi far niente se non restare a guardare, con rammarico e tristezza, mentre il tempo scorre e prova a far finta di nulla… Ma altro che “nulla”, qui c’è fin troppo…

Scrivi un commento