Mai più come te . Mai più . Nessuna .


“Perchè dopo te , io si che m’innamorai , sempre più di te”

Guardo la controluce di raggi del sole che filtrano dalle foglie di un albero . Che bello ripensare a tutto quel che è stato , che bello rivederti ancora . Mi perdo nell’illusione di un abbraccio che non ho , del tempo che passa inesorabile , e io che resto qui , con le mani in mano , a non potere fare più nulla . E sto male peggio .
Sto male a rimanere senza poter fare più nulla di nulla , senza poter dire una parola , ad impazzire di silenzio , ad esplodere in un istante quando la radio canta , quando vedo il cielo azzurro , quello stesso cielo azzurro che volevo condividere per la vita , per il tempo che sarebbe continuato ad andare avanti anche senza una spinta precisa , ma io volevo solo amare . Volevo solo tenere careSSine , volevo un bacio , volevo stringere una mano e sentirla sulla spalla se solo avessi avuto bisogno . Non volevo nulla di impossibile , volevo il bene di una donna , volevo stringere a me la speranza di non essere mai più da solo , mai più . Volevo condividere le mie piccole emozioni , volevo essere importante per una persona , volevo avere due occhi che diventavano lucidi per un complimento . Ho donato tutto il mio cuore , tutto il mio tempo , ogni mio singolo respiro l’ho dedicato a lei , ogni mia speranza , ogni colore della luce , ogni mio piccolo pensiero , ogni istante , ogni frammento che vedevo scorrermi davanti , ogni fotogramma di quella bellissima pellicola che era il nostro amore .
Le avrei donato ancora tutto quel che avevo , l’avrei coperta di amore , le avrei dato tutto quel che potevo . Sono uno studente , il mio budget , in fondo , è limitato , ma nel mio piccolo le avrei donato anche quel poco che mi ritrovo dentro il portafogli . Le avrei regalato anche la luna se solo me l’avesse chiesta , le avrei donato le mie carezze , ogni cosa che era nel mio possibile . Quando m’innamoro , io , sono così …
Ho capito che tutto questo mio amore , che sempre di meno ha un significato , che sempre di meno serve , che quasi non serve a nessuno , mi ha sempre portato a prendere calci in faccia . Colpa mia , mia e dei miei fiori che dono alla persona che amo , mia e delle mie poesie , mia e del mio non essere mai riuscito ad essere uno stronzo . Colpa solo mia , se so soltanto amare senza guardare mai in negativo , anche quando dovrei farlo per salvaguardare il mio stesso amore . Colpa mia , e del mio amare con tutto me stesso . Colpa mia che non so essere uno stronzo , che mi uccido di malinconia per chi se ne fotte di me , colpa mia che non so dire di no a chi mi ama , anche quando in realtà ci sarebbe fortemente bisogno che io lo dica , anche quando dovrei essere arrabbiato . Colpa solo mia , solo mia che amo , amo , amo , e regolarmente ritorno ad essere sempre da solo , come adesso , perso nell’inutilità di lacrime che non hanno neanche senso , perchè dedicate a una persona per cui sono invisibile , perso nel silenzio , nel freddo di vedere che rriva un altro San Valentino , e io non ho nessuno a cui regalare un mazzo di rose rosse , e non ho nessuno da abbracciare , da stringere , a cui dare forza se si sente giù . Guardo i negozi , le vetrine , e vorrei poter fare un regalo , vorrei avere l’unica persona che mi ha capito veramente , vorrei , vorrei , vorrei … Ma che cretino sono , io e il mio amore che mi lascia sempre in solitudine . So che dovrei cambiare , so che non devo amare così , perchè mi faccio del male , perchè dono del bene per ricevere schiaffi . Volevo soltanto amare , cosa chiedevo ? Volevo un amore grande , volevo amare solo con tutto me stesso , volevo regalare un fiore .
Me lo ricordo : ero lì , con i miei fiori in mano , e poi d’un tratto mi sono perso in un bigliettino che ho trovato sulla scrivania una mattina di fine agosto . Si che dovrei essere un disgraziato come chi ha il cuore di gelo , come chi mi sta facendo soffrire , come chi pensa che le mie lacrime siano inutili . Si che dovrei avere il cuore di ghiaccio , come chi resta ancora indifferente al mio strazio . Si che dovrei .
Colpa mia , del mio amare in questo modo , del mio cercare di non essere mai “oppressivo” ma nel contempo avere l’obiettivo di amare , la mia parola d’ordine , il mio pensiero unico .
Mentre scrivo , guardo fuori : le giornate sembra quasi che comincino ad allunguarsi . Sento l’odore dei fiori , della terra che sale dal giardinetto , della montagna e del cielo brillante lungo l’orizzonte . Tutte scene che vorrei condividere con la persona che mi ritrovo ancora a pensare , che mi ritrovo ancora davanti agli occhi , che rivedo , che penso , che mi batte in testa . Ma è solo colpa mia .
E’ colpa di questo mio amore , di questi miei pensieri dedicati a chi è indifferente , a chi non mi ama .
Credetemi , non so più a chi chiedere , non so più a che Santo parlare , non so più cosa pregare , non so più cosa fare per qeusto amore che non voglio che naufraghi , che non voglio perdere . E ancora sbaglio , e ancora mi perdo , e ancora stringo tra le mani il nulla , l’illusione , l’indifferenza . Sembra che non ci sia più nessuno , che le mie parole si spandano nell’aria e si perdano , si volatilizzino , si smaterializzino , si disintegrino , polverizzate nel nulla che ho intorno . Voglio ancora vivere la mia vita intorno a lei , non voglio più soffrire . Voglio ancora una dimensione vera per il mio amore , voglio ancora che il mio sentimento abbia una dimora , voglio ancora che tutto abbia un sento , non voglio più vivere da solo , non voglio più vedere che i miei San Valentino sono vuoti … ve lo dico con il cuore in mano , non so più a chi chiedere , che fare , che dire … Non so più cosa posso fare ancora …

Mai più come te
(Claudio Baglioni)

Basta un niente , un nome , una calligrafia
perché ogni cuore ha una memoria tutta sua
si vede sempre dove strappi via una pagina
come ti fissa una fotografia di ieri
la stagione delle piogge arriva qua
alla stazione della mia malinconia
e scende il tiepido acquazzone di una lacrima
sull’ultima tua voce che ho in segreteria
Mai più come te
nessun’altra mai
perché dopo te
io sì che m’innamorai
sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c’è qui la tua assenza ormai
che amo come te
Chiudo gli occhi e faccio buio dentro me
e la mia mente è come il treno delle sei
con cui ritorna a casa la tua cara immagine
in un silenzio che non puoi far stare zitto
Non è tanto questa fine tra noi due
ma quanto quelle sue rovine dietro me
e accanto ai passi con cui pesto ombre di nuvole
quando esco a buttar via gli avanzi di poesie
Mai più come te
nessun’altra mai
perché dopo te
io sì che m’innamorai
sempre più di te
quanto fu non sai
e anche senza te
c’è qui la tua assenza ormai
che amo come te
E com’è sempre tardi per amare
e l’amore è la pena da scontare
per non volere stare soli
e meglio è amare e perdere
che vincere e non amare mai
Mai più come te
nessun’altra mai
perché dopo te
io sì che m’innamorai
e sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c’è qui la tua assenza ormai ma
mai più come te
E com’è sempre tardi per amare
e l’amore è la pena da scontare
per non volere stare soli
e meglio è amare e perdere
che vincere e non amore mai
Mai più come te
nessun’altra mai
perché dopo te
io sì che m’innamorai
e sempre più di te
quanto tu non sai
e anche senza te
c’è qui la tua assenza ormai ma …
… Mai più come te

4 Commenti

  1. …come lame affilate le tue parole hanno aperto tagli nella corazza che con tanta fatica ho costruito nella parte del mio cuore che conserva il dolore dell’amore che non c’è più…
    un abbraccio…

  2. Caro Daniele…
    L’amore fa soffrire..le pene dell’inferno…
    L’amore è gioia infinita..ma anche tristezza senza fine…
    Io ho amato tanto..chi del mio amore ne ha solo approfittato…
    Mi ha ingannata…straziata…ha lacerato la mia anima…
    Caro amico….chi non merita il nostro amore…non merita l’amore di nessuno….
    Ho rivisto ieri il “pluribastardo”….
    i miei occhi emanavano saette….
    Lo avrei preso a calci nel c….
    Ma il mio cuore….era raggiante…era “felice”….
    So che la mia storia è un’utopia….
    Ma dentro di me spero sempre…..
    Ma sai come si dice…chi vive sperando…muore….”e non si può scrivere”….
    Ti lascio un’abbraccio….
    E mi tengo il tuo abbraccio…che gelosamente conservo….

    A presto…..bacio

    Luly

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!