Non accade nulla, probabilmente, per caso

Non accade nulla probabilmente per caso

Non accade nulla, probabilmente, per caso: questo è ciò che ho capito in questi ultimi anni, grazie al famoso, salvifico, proverbiale “senno di poi”.

Non accade nulla, probabilmente, per caso: questo è poco ma sicuro, e credo che mai come in questi anni ne ho avuto conferma e certezza, grazie alla possibilità di rianalizzare gli eventi accaduti grazie al proverbiale senno di poi.

Ci sono situazioni, infatti, che spesso ci vedono protagonisti, e ci vedono talmente tanto presi, talmente tanto calati all’interno della parte che non ci permettono di accorgerci di quel che sta accadendo, sia in positivo che in negativo. Poi, di colpo, accade qualcosa che avremmo potuto ampiamente prevedere, ma alla quale non abbiamo mai pensato perché eravamo troppo impegnati a vivere le esperienze con estremo trasporto, e da quel momento cominciamo a chiederci cosa ci sia stato di errato, sempre che qualcosa di errato ci sia, effettivamente, stato.

Sta di fatto che, quasi sempre, ci si ritrova a riflettere su tutto quel che è stata la propria vita fino a quel determinato momento, e quasi sempre ci si rende conto che era così che tutto doveva andare, e che, addirittura, è stata la cosa migliore che potesse accadere: in fondo, ragionando a posteriori, comprendiamo precise dinamiche, precise idee, precise situazioni che non avremmo mai potuto osservare in maniera obiettiva, forse perché era il momento sbagliato, forse perché non eravamo ancora maturi abbastanza, forse perché dovevamo sbatterci la faccia con tutta la forza per diventare più forti e crescere grazie all’esperienza.

Non lo so, davvero, ma posso dire che, quasi sempre, qualcosa accade perché era giusto che accadesse, e quando quel qualcosa accade, anche se ci fa del male nel profondo, abbiamo l’occasione di poter diventare più forti imparando da quegli stessi errori fatti in buona fede, che ci aiuteranno a costruire un futuro sempre migliore, sempre più bello, sempre più a nostra misura!

Scrivi un commento