Non ho mai smesso di credere nelle mie potenzialità

Non ho mai smesso di credere nelle mie potenzialità

Non ho mai smesso di credere nelle mie potenzialità, e non l’ho fatto perché so, davvero, chi sono e quanto valgo!

Non ho mai smesso di credere nelle mie potenzialità, e non l’ho fatto non per superbia, non per egocentrismo, ma perché sono estremamente sicuro di me, di quanto valgo, di chi sono, di cosa so fare.

Non vuol dire peccare di presunzione: significa, soltanto, avere consapevolezza del proprio valore, e, nonostante abbia messo e rimesso in discussione tante cose nella mia vita, non ho mai avuto mezzo dubbio in proposito, e credo sia uno dei pochi ed assoluti “punti fermi” del mio essere, in cui credo senza nessuna riserva.

So quanti sacrifici ho fatto, so cosa e quanto mi sia costato giungere al livello a cui sono arrivato adesso, e quanti sacrifici e fatica continuerò ad investire per non fermarmi, per posizionare tante, metaforiche, bandierine sui traguardi e sulle tappe raggiunte, pensando ai tanti altri successi, ai tanti altri obiettivi che mi sono prefissato e in cui continuerò a credere, e per i quali continuerò a credere in me e nelle mie potenzialità!

Ecco perché sono certo di me, ecco perché sono sicuro dei miei punti di forza, come anche dei miei limiti, e questo fa la reale differenza, perché sono perfettamente in grado di capire fin dove io sia in grado di arrivare e quando è il caso che io dica “basta”: in fondo, non possiamo mai essere sicuri degli altri, ma possiamo essere sicuri al 100% di noi stessi, persone che conosciamo meglio di chiunque altro al mondo!

Quindi, non è presunzione, non è altezzosità, ma solo un chiaro rendersi conto delle proprie potenzialità e delle proprie “skills”, come si dice oggi. Io posso essere ciò che voglio se solo lì voglio: ho smesso tante volte di credere agli altri ma, state pur certi, non smetterò mai di credere in me stesso!

Scrivi un commento