Non riesco più a fidarmi di nessuno

Non riesco più a fidarmi di nessuno

Non riesco più a fidarmi di nessuno, e mi dispiace, ma non riesco a lasciarmi andare per paura di soffrire ancora… 

Non riesco più a fidarmi di nessuno: me ne sono accorto in quest’ultimo periodo, analizzandomi ed osservandomi, e rendendomi conto di come il mio primo pensiero sia sempre mirato a cercare l’eventuale fregatura che c’è dietro ad ogni gesto, anche quello più innocente, perché la paura di espormi, di abbassare le difese e soffrire un’altra volta è troppo grande, e sinceramente, oltre a non averne alcuna voglia, mi rendo conto che è qualcosa da evitare nella maniera più assoluta e categorica possibile.

È chiaro che così si passa da un estremo all’altro, lo so, ma non posso rischiare, e, più probabilmente, semplicemente non voglio e basta: ne ho già viste e vissute troppe, e seguitare a farsi del male è assurdo e senza alcun senso. Per carità, comprendo perfettamente che anche restare perennemente sul chi va là è deleterio, siamo assolutamente d’accordo, ma non posso rischiare di credere ancora in qualcuno o in uno qualsiasi dei suoi gesti per poi ritrovarmi a soffrire ed incolparmi per non essere riuscito a rendermene conto prima.

No, ora basta: preferisco restare un passo indietro, costantemente dubbioso su tutto e su tutti, senza più attendermi niente, tenendo sempre quel minimo di sano e legittimo dubbio che possa giustificare un gesto inaspettato o inspiegabile. Male che dovesse andare, potrò sempre dire di non aver avuto aspettative, di non aver puntato ed investito risorse e speranze verso una persona e i loro gesti, perché la stronzaggine – ricordatelo – è sempre dietro l’angolo, e la sofferenza della delusione e di sì prende gioco di noi non perdona mai.

Questo è il risultato della sofferenza: si diventa diffidenti, e si è costretti a farlo per poter sopravvivere senza soffrire.

Mi hanno piantato dentro così tanti coltelli che quando mi regalano un fiore all’inizio non capisco neanche cos’è. Ci vuole tempo.

(Charles Bukowski)

Scrivi un commento