Occhio allo starnuto !

E’ psicosi , non ci prendiamo in giro : l’"Influenza A" o "Virus Suino" , come volete chiamarlo , ci sta facendo diventare matti , con esagerazioni che ci fanno diventare sospettosi e sempre "sulle nostre" pur di evitare il contagio !
Fate una prova : provate a starnutire in mezzo ad un supermercato , magari ben affollato . Nel giro di pochi attimi vi ritroverete circondati dal nulla , con la gente che si è spostata di un centinaio di metri !
Si , è vero , la nuova influenza può essere pericolosa , e sottolineo può essere , ma non è detto che lo sia , ma non bisogna esagerare : paradossale , in questo senso , la vicenda della prima persona morta per le complicazioni di cui soffriva , tra cui anche la nuova influenza che , come detto dai medici , non è stata la causa della morte , al cui funerale non si è presentato nessuno per paura del contagio e i cui presenti erano armati di mascherina e guanti , quasi ad evitare una guerra chimica !
Ripeto a dire : la prevenzione è giusta e corretta , e le categorie definite "a rischio" devono pensare bene a vaccinarsi e prevenire ogni ragionevole pericolo , sempre senza esagerare .
I medici consigliano delle semplici regole , basilari : ridurre al minimo i contatti troppo ravvicinati , salutando con un "buongiorno" ma evitando baci , abbracci e strette di mano , evitare di stare vicino a chi tossisce , visto che la tosse è un vettore delle goccioline di saliva tramite il quale ci si può contagiare , e sopratutto lavarsi spesso le mani , evitando di portarle alla bocca e al naso , "vie preferenziali" per il virus !

Insomma : come sempre basta un pò di buon senso ma , sopratutto , la parola d’ordine è non farsi prendere dal panico o da falsi allarmismi , che tendono soltanto a peggiorare la situazione !

10 Commenti

  1. quando si parla di argomenti concernenti la salute pubblica è sempre bene preventivamente informarsi in merito: ti consiglio di leggere a proposito dell’influenza A, sicuro che non l’hai fatto prima di scrivere il tuo pezzo, le circolari emanate in proposito dal Ministero della Salute e gli aggiornamenti dell’Agenzia di Sanità Pubblica(ASP): sai, un bravo giornalista deve sempre risalire alle fonti prima di scrivere, specie se, come in questo caso, senz’altro autorevoli…..

  2. le tue risposte, a qualunque osservazione ti venga mossa, sono di una povertà intellettiva e culturale in genere, che spaventano. e parlando di “psicosi da “troppa” informazione” riveli, seppure ce ne fosse stato bisogno, la tua ignoranza, intesa come “incultura”, di fondo….ma , ribadisco, non c’era bisogno di ulteriori conferme.

Scrivi un commento