Oggi ho voglia di raccontarmi ("si faccia una domanda e si dia una risposta")


Ci sono momenti nella vita in cui ti guardi ad uno specchio , e cominci a porti delle domande …

Ciao Daniele . Dimmi , come và oggi ?
Ciao Daniele . Mah , come vuoi che vada … Come sempre direi . Solita pila di libri , ed io chiuso qui a studiare , mentre fuori c’è un bel sole e il cielo azzurro … Mentre io rimango qua con la mia solita tristezza , e questo strano senso di solitudine che mi pervade , davanti alle righe di qusto libro , agli argomenti , ai pensieri dell’esame da preparare , delle cose da dire … E di quelle che invece vorrei dire , e non posso …

Non hai proprio una bella cera . Dimmi la verità , sei felice ?
E’ inutile che mento proprio a te : no , non sono felice …
Non lo sono per tanti motivi . Come dico sempre , non sono gli affetti o i “beni materiali” a mancarmi … Mi mancano altre cose , mi mancano le carezze , i baci . Cose semplici insomma … Mi manca sostanzialmente quel bene , quell’amore che non provo più ormai da troppo tempo … Sarebbe bello poter passare un pomeriggio con una ragazza che mi vuole bene , poter passeggiare insieme a lei , anzichè essere qua a studiare , con il sole che filtra dalla finestra , e questo cielo così magico :-)

Sai Daniele , alle volte ti guardo e mi chiedo : ma un ragazzo come te , con tutti i suoi impegni , tutte le sue cose da fare , ma sopratutto con quel sentimento così grande che tante volte esplode in lui , come fa a rimanere appigliato al pensiero di volere vivere un amore , alla speranza di trovare un sentimento condiviso ?
Ma vedi , sostanzialmente me lo chiedo pure io … Anche io , spesso , mi domando come posso fare ad avere la mente “ripartita” tra impegni e mille altre cose , e nonostante tutto pensare alla mia solitudine . Non riesco a spiegarmelo nemmeno io . Paradossalmente , è un pensiero che sovrasta tutti gli altri …

La tua vita è in qualche modo condizionata , diciamo , in qualche modo da “rifare” , da rivedere , in relazione alla tua sofferenza ?
Forse è azzardato , ma un pò si .
Non sono felice , e te l’ho anche detto : la mia vita sta prendendo una sorta di piega che non mi piace . Non è più quella che volevo vivere io , sta diventando una realtà che non mi rappresenta ! Avevo imparato a convivere con la mia solitudine gia da un pezzo , ma quando , per un periodo , ero riuscito ad abbandonarla , mi sentivo proprio bene … Poi è tornata di nuovo nella mia vita e mi ha colto impreparato … Ecco perchè disperatamente cerco il modo di togliermela di dosso , perchè la mia vita sta diventando troppo diversa da come me la immaginavo …

Che rapporto hai con il tuo passato ? Come lo definiresti ?
Lo definirei , purtroppo , una ferita ancora aperta che condiziona il mio tempo e le mie giornate , anche in forma pesante … Una ossessione continua , un dolore che non riesce a smettere … Chi mi conosce , o quei blogger con cui parlo privatamente , sanno bene la mia sofferenza , la conoscono pure bene . La conosce anche una certa “blogger” , alla quale ho rovinato una serata di vacanza , ad Agosto , in cui lei era in albergo , e , non solo mi ha dovuto chiamare lei visto che non avevo soldi nella scheda del cellulare , ma ha pure dovuto sopportarmi dalle 22:50 fino a oltre mezzanotte !

Se ti venisse data la possibilità di parlare liberamente facendo riecheggiare la tua voce , cosa diresti e a chi ?
Comincerei col togliermi un paio di pesi : darei risposta anzitutto a quella simpatica persona che mi ha detto che non faccio pena a nessuno , invitandola a riflettere su una sua introspettiva , prima di dare addoso agli altri . Poi , continuerei parlando a certa gente , a certe persone che si ergono a difensori di chi , evidentemente , non sa difendersi da solo (giusto quello mi viene da pensare …) Una parolina , forse , la spenderei anche nei confronti del mio passato , soltanto che non so se potrebbero essere parole negative , di disprezzo , o di amore e di amicizia . Questo proprio non lo so …

Ecco bravo , giusto quello che volevo chiederti : ma , nei confronti del tuo passato , hai posizioni di disprezzo o di amore ?
Ci credi se ti dico che non lo so ? Materialmente nemmeno io lo riesco più a capire ! E’ vero , ci sono volte che ci penso e dico “cavolo , però effettivamente ……” , ma ci sono altre volte che mi viene voglia di spaccare la faccia a qualcuno , per tutto il male che ho incassato e tutte le conseguenze che ne piango ancora adesso … Mi verrebbe voglia di guardare il passato negli occhi e dire : “Hai visto ? Guarda che hai combinato ! Ora si che sei contenta !”

In definitiva : dietro “Il Giomba” , chi c’è ?
C’è Daniele , sofferente per una solitudine indotta e immeritata . Tante , troppe volte mi domando “che male ho fatto” . Sono sempre stato una persona onesta e sincera , non ho mai fatto del male , mai … Perchè adesso piango così ? Perchè ?

Qual’è il tuo prossimo impegno ?
Ritornare a vivere …

29 Commenti

  1. NOn saremo noi senza il nostro passato, bello o brutto che sia. Ma dobbiamo sforzarci di concentrarci sul nostro presente, viverlo adesso, attimo dopo attimo, e non lasciarci assorbire dal passato. Guardiamo dietro solo per trovare la forza di credere che quello che verrà sarà sicuramente splendido.
    Sono parole, lo so, e le dico a te cercando di convincermene anche io.
    baci
    hele

  2. Io, in realtà, non è la prima volta che passo di qui, anzi, ci vengo spesso, ma non ho mai lasciato commenti perchè mi sembravano sempre fuori luogo leggendo le cose belle che scrivi. Sono un po’ scema, che ci vuoi fare?
    E pure un po’ picciosa… ;)

  3. Non dirlo a me…ne ho tre…tutte e tre dolcissime e birbantelle! E morbidose…che pace accarezzare i gatti…sapendo che prima o poi…zac…partirà il colpo…!
    Picciosa sta per capricciosa….ma una capricciosa tenera…come una bimba…

  4. E lo so…ma vedi che se ti fai forza puoi farcela e non sentirti più solo…devi essere solo un pò più fiducioso in te stesso…
    Sono solo consigli, prendili come tali…mi stai troppo simpatico ed anche per me è un piacere passarti a trovare

  5. Daniele, mi si stringe ancora il cuore. Perchè, perchè questa tristezza! Vivo attraverso te, i sentimenti di mia figlia, quella che non vuole parlare, che dice di non avere dialogo con noi genitori. Lei però si è rimessa col ragazzo ma mi sembra tanto un rapporto forzato, giusto per non soffrire sentendosi mollata. Sopportando. Ma meglio, molto meglio la tua posizione. Ricordati, tu ora stai soffrendo, ma comunque sei libero, ci vuole solo un po’ di tempo. Sei intelligentissimo e quindi non ti puoi far sopraffare da questo momento no. Purtroppo nella vita ne avrai tanti momenti così. Abbi la forza di reagire! Coraggio! Capisco che non è facile. Dammi ascolto, non fissarti con questa storia, e tutte le volte che la pensi cerca di parlare d’altro, vedrai che poco alla volta ti rinnamorerai meglio di prima.
    Un bacciottissimo. :-****

  6. Ciao…ti leggo e comprendo appieno la tua tristezza e la tua solitudine, la tua divisione psicologica…chi sei tu? Quello che fa le domande o quello che dà le risposte? Tu sei Tu! non c’è possibilità per l’Io di dividersi e di autoreferenziarsi, in questo modo non riuscirà mai ad essere, continuerà a essere qualcos’altro, quello che fa le domande o che dà le risposte, quello che si ama o che si odia, quello che vive nel passato o nel futuro. L’io è, hinc et nunc, non c’è passato, non c’è futuro, quello che è passato non esiste più e quindi non può davvero influenzare l’Io, è l’Io stesso che si convince di qualcos’altro e si separa e soffre…Ferma l’attimo, coglilo, ma non semplicemente nel senso di vivere giorno per giorno, ma piuttosto di esserci dentro con tutta la pienezza dell’Io, senza rancori e senza passato…
    Dolce Notte

Scrivi un commento

SEGUIMI ORA SU TWITTER: Non perderti il mio format in diretta e partecipa in prima persona! I tuoi commenti saranno letti in diretta! CLICCA QUI!