Palermo, Boccadifalco: quartiere alla ricerca di vivibilità

Non passa settimana senza che il quartiere di Boccadifalco, a Palermo, sia, tristemente, protagonista: eppure, questa zona cerca un suo riscatto…

Un quartiere abbandonato a se stesso, tra la disperazione di chi lo abita e la rabbia di chi lo vorrebbe diverso: stiamo parlando di Boccadifalco, nella Quarta Circoscrizione di Palermo, che, suo malgrado, non riesce ad “emergere” dallo stato negativo in cui versa, tra abbandono e incuria che, giorno dopo giorno, rendono sempre più difficile la vita dei residenti.

Eppure, c’è chi lotta affinché il quartiere sia diverso: ecco, ad esempio, cosa ci scrive Paolo Arduino.

“Come in tanti altri quartieri periferici, si è spesso costretti a vivere con diversi problemi dovuti alla viabilità. Negli anni, poco o nulla è stato fatto per individuare vie alternative che possano, finalmente, liberare la zona dalle punte di traffico, a volte, esasperanti. Sicuramente, la mia iniziativa avrà poco impatto nella vita quotidiana, ma credo che ogni piccolo accorgimento può solo migliorare le condizioni di Boccadifalco. Ho proposto al Comune di Palermo di far rimuovere la segnaletica stradale in disuso, che, da anni è posta lungo i marciapiedi e che, di fatto, ne limitano l’accesso. Ho chiesto anche di rivedere, dove è possibile, l’ottimizzazione della cartellonistica del quartiere. Spero nell’accoglimento di tale iniziativa da parte del Comune.”

Piccoli gesti, quindi, ma di vitale importanza per il benessere e il miglioramento di un quartiere in cui tanto va ancora fatto. Basta, davvero, l’impegno di tutti!

Scrivi un commento