Passano le giornate come passa il tempo di una vita...

Passano le giornate come passa il tempo di una vita

Passano le giornate come passa il tempo di una vita, e ci si ritrova a pensare, a raccontare, a ricordarsi, tra un pensiero ed un dolore…

Passano le giornate come passa il tempo di una vita, e ci si ritrova a ricordare e ricordarci di quello che eravamo, di quello che avremmo voluto essere: ci guardiamo intorno e cerchiamo storie e persone che possano farci pensare a qualcosa o a qualcuno, ma ci rendiamo conto che questa vita è passata come passano i treni e le stazioni, come passano le persone, le facce, la gente, i ricordi, le persone incontrate e perdute durante il cammino, e questo tempo, intanto, colora e scolora la vita come le stagioni che si evolvono, come il tempo che passa senza che tu possa rendertene conto, senza che tu possa, in qualche maniera, dire “no, io non ci sto, io non voglio che vada così!”, ma nessuno sentirebbe la tua voce in mezzo a tutto quell’andare, in mezzo a tutto quello scorrere giornaliero che non da tregua a nessuno, figuriamoci a te!

Eppure, questa vita continua a correre, continua a lasciarsi dietro le tracce di se, le tracce del dolore che è andato e sembra lontano, ma se ascolti meglio il tuo cuore, forse, è sempre presente anche se è “spento”, anche se è sopito e nascosto agli occhi ed allo sguardo della gente. Forse perché, in fondo, davvero in fondo, tu solo sai cosa hai provato e cosa senti, e quanta strada hai dovuto fare da solo, tra la pioggia, il vento, il sole, il dolore di pomeriggi infiniti a camminare in mezzo alle strade deserte delle domeniche pomeriggio d’agosto, che solo tu sai cosa si prova…

…E se qualcuno cercasse adesso di voler comprendere, forse non ci riuscirebbe, perché certi dolori non puoi spiegarli. Li capisci solamente se li vivi…

Scrivi un commento