Ricordi di un tempo passato ascoltando il presente

Ricordi di un tempo passato ascoltando il presente

Ricordi di un tempo passato ascoltando il presente, come pioggia che cade e sembra bagnare un tempo che è ormai volato via, indistintamente…

Ricordi di un tempo passato ascoltando il presente, come la pioggia che cade mentre sto scrivendo, che sembra non voler fare rumore, eppure c’è, la vedi e la senti e puoi ascoltarla, anche se non la vedi: ne senti l’odore, senti che è presente, come sono presenti i ricordi che fanno da cornice ad un tempo presente che non è sempre facile e che, qualche volta, ti fa tornare alla mente il passato che è già andato via…

Per carità, le cose sono cambiate e sono cambiate – almeno per quanto mi riguarda – in maniera tangibile, concreta, non certo in maniera superficiale e demagogica, come il fumo negli occhi che certa gente pretende di buttare verso chi immagina di trovarsi davanti chissà quale personaggio, ma non sa della sua totale vuotezza sostanziale, e queste cose mi hanno portato a vivere una vita che, adesso, mi da tante soddisfazioni, ma è spesso costellata da silenzi, da tanti silenzi che ti lasciano l’amaro in bocca, che ti rendono certo forte, ma contro il quale ti ritrovi, in certi momenti, a combattere, mentre cerchi una scusa nuova per fronteggiare il tuo dolore silenzioso, le tue lacrime che, spesso, quasi sempre, nessuno vede, forse anche per un tua precisa scelta, contro ogni pietismo spicciolo che non ha nulla di concreto…

E così la pioggia continua a cadere e tanti pensieri si aggiungono ad altri pensieri che sembrano non voler mollare la presa, mentre il tempo fa da cornice a dolori e silenzi personali che disegnano solitudini tanto pesanti quanto “formative”: siamo sempre in cerca di un briciolo di speranza per trovare qualcuno che voglia condividere la strada, ma chissà perché restiamo sempre, atrocemente, delusi…

Scrivi un commento