Riesci ancora a farmi ridere, ma non potevi essere tu...

Riesci ancora a farmi ridere, ma non potevi essere tu

Riesci ancora a farmi ridere, ma non potevi essere tu, e nemmeno te lo immagini quanto mi dispiace, adesso, rendermene tristemente conto…

Riesci ancora a farmi ridere, ma non potevi essere tu, ed è una dura, difficile, consapevolezza con cui dover fare i conti…

…Non posso certo negare che, quando rivedo adesso le tracce del mio passato dove c’eri anche tu, rido ancora come uno stupido a quella bella ironia, a quella bella armonia, a quel bel divertimento d’allora, che ancora adesso mi fa davvero sorridere come nient’altro: rido se riascolto battute, se rivedo quante ne abbiamo fatte insieme, quante ne abbiamo vissute e quante ne abbiamo camminate!

Non posso negare, di certo, che la mente, talvolta, torna indietro ai colori e agli odori meravigliosi che aveva la primavera: si, mi sentivo vivo insieme a te, mi sentivo meravigliosamente completo, splendidamente in equilibrio tra noi, tra la nostra vita ed i nostri pensieri più lontani e più vicini. Ricordo l’odore che aveva la zagara lungo i giardini, il cielo incredibilmente azzurro, le serate a passeggiare, in estate, sdraiati sul muretto a guardare le stesse, ad osservare il mondo ed i palazzi illuminati, immaginando cosa sarebbe potuto essere domani, cosa sarebbe potuto essere, un di, quel tempo da vivere insieme.

Non posso negare, però, che la forza di quell’addio ha rotto l’incantesimo, per sempre: adesso è chiaro che non potevi essere tu. Non potevi, assolutamente non potevi: forse, in un primo istante, sei anche riuscita a far credere alla gente che tu fossi una “povera vittima”, ma ora no. Le maschere sono cadute e non c’è più nulla da fingere: la commedia è tristemente terminata. Il tempo, da perfetto galantuomo, ha svelato la verità d’ognuno di noi.

E sai cosa è rimasto di tutto quel tempo? Si, forse qualche risata, qualche ricordo, ma tendenzialmente NIENTE. Niente tranne uno spreco dei miei anni migliori. Che, forse, non riuscirò mai a perdonarti davvero!

Scrivi un commento