Rispetta te stesso prima di chiedere rispetto!

Rispetta te stesso prima di chiedere rispetto

Rispetta te stesso prima di chiedere rispetto: non possiamo pretendere il rispetto se siamo i primi a non rispettarci! Riflettiamo insieme…

Rispetta te stesso prima di chiedere rispetto: quante volte rimuginiamo chiedendoci perché la gente non ci rispetti, magari sul luogo di lavoro, magari nella vita di ogni giorno? Sicuramente accade molto spesso, ma vorrei invitare chi legge ad una seria riflessione. Cosa facciamo per rispettarci?

Ragioniamo: quante volte taciamo, stiamo zitti, accettiamo passivamente le cose che non ci piacciono solo perché abbiamo paura degli altri, di ciò che essi possano pensare di noi, di deludere il prossimo? Quante volte diamo talmente tanta importanza a ciò che gli altri pensano, o possano pensare di noi, da accettare anche ciò che non ci piace e ciò che ci fa stare male, soffrire, stressarci? Quante volte, in nome del “vabbè, lasciamo perdere”, accettiamo che la nostra libertà venga messa in discussione per paura di fantomatiche conseguenze nei confronti degli altri?

A conclusione di questo ragionamento, quindi, quante volte abbiamo permesso agli altri di non rispettarci perché non abbiamo preteso il rispetto verso noi stessi?

Badate bene: qui non si sta parlando di diventare egocentrici o narcisisti! Si sta solo concentrando l’attenzione sul “difendere” il nostro rispetto! Chiedere rispetto verso le nostre scelte e le nostre posizioni, se fatto in maniera assertiva, rispettosa ed educata, non fa altro che ribadire concetto secondo cui “la mia libertà inizia dove finisce la tua”. Come possiamo pretendere di essere rispettati se siamo noi i primi che non rispettiamo noi stessi e calpestiamo sotto i piedi il nostro amor proprio? Niente di sensato può giustificare la mancanza di rispetto verso la nostra persona verso le scelte che facciamo, verso i nostri pensieri, e peggio ancora se questo accade perché siamo noi a permetterlo!

Insomma: non possiamo pretendere il rispetto se siamo noi i primi a non rispettarci. Riflettiamo su questo ragionamento, e, soprattutto, cerchiamo, durante la vita, di non dimenticarlo mai!

Scrivi un commento